“Diciassette e Trenta Classica” propone le suggestive sonorità argentine del ContraMilonga Ensemble

ContraMilonga EnsembleIl ContraMilonga Ensemble, formato da Fabio Furia al bandoneón e Marcello Melis al pianoforte è stato protagonista, al Teatro Diana di Napoli, del recente appuntamento con la stagione “Diciassette e Trenta Classica”, affidata alla direzione artistica di Antonello Cannavale e Alberto Maria Ruta.
Il duo ha iniziato il concerto con La chanson des vieux amants di Jacques Brel, risalente al 1971, adattata lo stesso anno da Bardotti e Del Prete per Patty Pravo, con il titolo “Canzone degli amanti”.
A seguire un prima finestra su Piazzolla con il famoso Adiós Nonino, scritto nel 1959 in occasione della morte del padre e il poco noto Triunfal, fra i primi brani concepiti fondendo i ritmi argentini con la tradizione classica europea.
Una particolare versione del pucciniano E lucevan le stelle ha preceduto Resolzas, Istellas e Nues, tre brani composti da Fabio Furia nel 2013, i cui titoli sono in logudorese, una delle lingue della Sardegna, e corrispondono rispettivamente a “Coltelli” “Stelle” e “Nuvole”, con relative descrizioni musicali di forte impatto emotivo.
Parte conclusiva nuovamente nel segno di Piazzolla con un terzetto costituito da La Milonga del Ángel e La Muerte del Ángel, risalenti agli anni ‘60 e dal celeberrimo Libertango (1974).
Per quanto riguarda i due interpreti, hanno evidenziato un affiatamento perfetto e una grande maestria nell’arrangiare i diversi pezzi.
E, se Fabio Furia ha confermato di essere un bandoneonista di straordinario valore ed un ottimo compositore, il pianista Marcello Melis non è stato da meno, contribuendo, con il suo apporto, talora poco appariscente ma efficacissimo, alla riuscita di un concerto di altissimo livello.
Pubblico numeroso e in visibilio, impressionato sia dalla qualità degli esecutori, sia dal fatto che i brani di Piazzolla, suonati con il bandoneón (strumento per i quali sono stati originariamente concepiti), acquistano un fascino particolare, per cui ha chiesto a gran voce il bis.
Fabio Furia e Marcello Melis non si sono lasciati pregare, ed hanno proposto altre due composizioni, chiudendo con il notissimo Oblivion di Piazzolla, creato per la colonna sonora del film “Enrico IV” di Bellocchio, che ha chiuso un eccezionale pomeriggio musicale.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.