Sabato 14 marzo “Train de vie – Musica su Rotaie” al “Porto Petraio” di Napoli ospita i “Sunneva”

SunnevaSabato 14 marzo giunge al VI appuntamento la kermesse “Train de vie – Musica su Rotaie”, organizzata dall’etichetta “Agualoca Records” con la direzione artistica di Davide Mastropaolo, e ospitata a “Porto Petraio” (Salita Petraio 18/D, adiacenze stazione Petraio Funicolare Centrale – Napoli).
La serata parte con l’aperitivo alle 19.30; il live set ha inizio alle 21.00.
Sul palco a esibirsi www.sunneva.com, band nata da un’idea di Stefano Pellone, formata da quest’ultimo insieme a Massimo Manzo (voce, chitarra elettrica, guitalele), Davide Mastropaolo (pianoforte, samples, fisarmonica) e Francesco Manna (percussioni, glockenspiel), che si muove tra un sound post-rock e indie-folk, mutuando atmosfere del folklore nordico così come alcune cifre dei repertori mediterranei, e appoggiandosi a suggestioni elettroniche, oltre che acustiche.
“Sunneva” è il nome di una divinità della mitologia islandese.
Non a caso nelle loro cromie sonore echeggiano ambientazioni crepuscolari, quasi notturne, invernali, delicatissime, malinconiche e dilatate, agrodolci ed emozionanti, che coniugano tracce evidenti del folklore nordeuropeo, pennellate indie-folk, evanescenze impalpabili, combinando il suono di strumenti della tradizione popolare (ukulele e guitalele) con quello di virtual plugins, stompboxes, samples, beat elettronici, chitarre elettriche e acustiche, effetti analogici.
La timbrica e la vocalità appartengono a un anglosassone e nordeuropea modalità performativa.
Tutto ciò convive nel progetto discografico d’esordio di Sunneva, “We Are Trees” (2013 autoprodotto con licenza Creative Commons, distr. Audioglobe dal 2014), i cui 6 brani strizzano l’occhio a Motorpsycho, Bon Iver, Sigur Rós e Anthony And The Johnsons, senza dimenticare Bad Religion, Fugazi, Múm, Olafur e Ólöf Arnolds, Pascal Pinon, Patrick Watson, Seabear.
Due pezzi dell’album, “Invincibile” e “Embrace”, sono nella colonna sonora del film “Noi Siamo Francesco” di Guendalina Zampagni (prod. Arancia Cinema di Aurelio Grimaldi, con Elena Sofia Ricci e Paolo Sassanelli), in uscita a maggio 2015, e nella cui soundtrack ci sono anche brani dei Sineterra, Flo e Orchestra Joubès, tutti prodotti da Agualoca Records.
“L’intento”, dice Pellone, “è di sperimentare senza preconcetti, condurre una ricerca senza stabilire nulla a priori. Quando vari suoni di diversa fonte, da quelli acustici a quelli elettronici passando per rumori d’ambiente e campionamenti vari, riescono a fondersi in maniera funzionale ad esprimere una certo mood, allora il risultato può essere molto interessante”.
E ciò facendo salve alcune componenti: la forma canzone, consapevolmente intrisa della malia del folklore nordeuropeo, e la linea melodica che, pur non sconfinando nel pop e senza sacrificare la qualità artistica della sperimentazione, assicura, d’altro canto, grande godibilità d’ascolto e carica emotiva.
“Un uomo che vive nei boschi è come un albero raro, perché i suoi giorni sono foglie al vento e la sua speranza un fiore che sboccia, il suo amore una radice selvaggia che lo nutre di nuova luce, le sue ferite sono frasi intagliate, le sue ferite sono cuori intagliati”, recita la title track dell’album.
E il percorso dei Sunneva prosegue alla ricerca di un sound ancora più ricco e articolato, in vista del nuovo cd che andranno a registrare, con ospiti della scena musicale islandese, presso i “GREENHOUSE Studios” di Reikyavik, fondati e diretti da Valgeir Sigurdsson, che tra gli altri ha lavorato con artisti del calibro di Bjork, Múm, Sigur Rós. Presto partirà una campagna di crowdfunding per le spese di produzione del disco (www.sunneva.com; www.greenhouse.is), che sarà poi inserito nel catalogo di Agualoca Records.
Un assaggio di questi inediti sarà nella serata a “Porto Petraio”, in un viaggio sonoro che ha i contorni svaporati del sogno, il fascino della fiaba, di un mondo incantato, in cui boschi, alberi, terra e animali hanno un’anima vibrante.

Prossima data di “Train de Vie – Musica su Rotaie”: sabato 18 aprile 2015 con LITTLE JOHN NEE and the Caledonia Highly Strung Orchestra.

Ingresso riservato ai soci (tessera annuale) e contributo al concerto 10 Euro.

Info e prenotazioni:
“PORTO PETRAIO”
(Salita Petraio 18/D, ad. stazione Petraio Funicolare Centrale, www.portopetraio.com);
Davide Mastropaolo “Agualocarecords”:
334/8366202,
info@agualocarecords.com
www.agualocarecords.com

Ufficio Stampa:
Victoriano Papa
cell.: 333/2824262
e-mail: victoriano.papa@gmail.com

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.