La Camerata Strumentale dell’Università di Salerno splendida realtà giovanile del panorama meridionale

Camerata Strumentale Salerno a San MarcellinoL’Autunno Musicale della Nuova Orchestra Scarlatti ha ospitato, in uno dei suoi ultimi appuntamenti, la Camerata Strumentale dell’Università di Salerno, compagine giovanile fondata nel 2000 da Angelo Meriani, docente di Lingua e Letteratura greca e violinista.
Interamente mozartiano il programma eseguito, che comprendeva la Sinfonia n. 31 in re maggiore K. 297 “Parigina” ed il Concerto per clarinetto e orchestra in la maggiore K. 622, pezzi entrambi molto noti, concepiti in situazioni abbastanza particolari.
La prima risale al 1778, quando il compositore, alla ricerca di una nuova sistemazione che gli avrebbe permesso di abbandonare la “provinciale” Salisburgo, era da poco approdato a Parigi, dove aveva soggiornato nel 1763-64 e nel 1766, riscuotendo unanimi consensi.
Ma l’ammirazione avuta nei confronti di uno sbalorditivo bambino prodigio, non ebbe modo di ripetersi nel momento in cui ritornò nelle vesti di giovane compositore, in quanto i gusti dei parigini non coincidevano con i suoi.
Nonostante ciò, una volta ottenuta una commissione per i celeberrimi “Concerts Spirituels”, pur di guadagnare i favori del pubblico francese, diede vita ad un brano che andava contro le sue convinzioni.
Nacque così la Sinfonia n. 31, in seguito soprannominata “Parigina”, che ottenne un notevole successo, ma non tale da consentire a Mozart di occupare un qualsiasi ruolo di spicco nell’ambiente culturale della capitale transalpina.
Va ancora ricordato che la permanenza a Parigi fu anche funestata da un grande lutto, la perdita della adorata madre che lo aveva accompagnato in questa sua peregrinazione.
Dal suo canto, il Concerto per clarinetto e orchestra in la maggiore K. 622 venne completato da Mozart circa due mesi prima della morte.
Dedicatario fu l’amico massone Anton Stadler, virtuoso del clarinetto di bassetto (strumento caratterizzato, rispetto al moderno clarinetto, da una maggiore estensione nel registro grave), che eseguì la composizione per la prima volta a Praga nell’ottobre del 1791, in occasione di una serata di beneficenza.
Il cuore della composizione è sicuramente rappresentato dall’Adagio centrale dove, col senno di poi, è difficile non riscontrare sia una forte nostalgia per il passato, sia il presagio di una fine quanto mai imminente.
Confrontatasi con queste due composizioni, la Camerata Strumentale dell’Università di Salerno, diretta per l’occasione dal maestro Massimo Testa e rinforzata con elementi della Nuova Orchestra Scarlatti, ha evidenziato una elevata qualità dei singoli componenti e un buon affiatamento all’interno delle diverse sezioni e nel suo complesso.
Ottima è risultata anche l’ intesa con il clarinettista Gaetano Russo, direttore artistico della Nuova Orchestra Scarlatti, che nei confronti di questo concerto mozartiano mostra di avere un particolare feeling per cui, ogni volta che lo ascoltiamo, riesce puntualmente a trasmetterci fortissime emozioni (le stesse, come ha confessato al numeroso pubblico presente, che sente in prima persona mentre interpreta il pezzo).
In conclusione un ottimo concerto che, oltre a riproporre due magnifiche pagine del genio di Salisburgo, ha messo in evidenza una compagine, la Camerata Strumentale dell’Università di Salerno, che rappresenta una splendida realtà del panorama musicale giovanile dell’Italia meridionale.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.