L’Ensemble Cantar Lontano incontra Tanzio da Varallo

Foto Max Cerrito

Foto Max Cerrito

Il giorno dopo l’inaugurazione della mostra “Tanzio da Varallo incontra Caravaggio”, Palazzo Zevallos Stigliano ha ospitato un concerto organizzato dalla Fondazione Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini.
Protagonista della serata, dal titolo “La voce dei quadri di gratitudine – Concerto per Tanzio da Varallo”, l’Ensemble Cantar Lontano, diretto al clavicembalo da Marco Mencoboni, e formato da Andrea Arrivabene (controtenore), Marco Scavazza (baritono), Cristiano Contadin (viola da gamba) e Pedro Alcacer (tiorba), che ha eseguito brani sacri e profani di autori, per la maggior parte coevi al pittore piemontese (nato intorno al 1575 in Valsesia e morto a Varallo nel 1633), che soggiornò a Napoli nei primi anni del XVII secolo, dove a suo dire portò avanti anche un’intensa attività musicale.
La serata si è aperta con Le Forze d’Ercole, per clavicembalo solo, di Anonimo del Cinquecento, seguito da Prima ora de la notte, di Filippo Azzaiolo per baritono e viola da gamba.
I primi brani sacri consistevano nell’Ave Maria, per controtenore, tiorba e clavicembalo del marchigiano Pietro Pace (1559-1622) e nell’Ave Regina Coelorum di Orlando di Lasso (1532-1594), affidata all’intero ensemble.
Era poi la volta del madrigale per baritono e viola da gamba Io vorrei Dio d’Amore di Costanzo Festa (ca. 1485–1490 – 1545) e della Toccata seconda per clavicembalo di Girolamo Frescobaldi (1583-1643).
La parte religiosa riprendeva con Ego flos campi di Claudio Monteverdi (1567-1643) per controtenore, viola da gamba, tiorba e clavicembalo e con O Maria, ortus conclusus a tre di Orlando di Lasso, eseguito dall’intero organico.
Ritorno al profano con due pezzi per viola da gamba, tiorba e clavicembalo, La Suave melodia e sua corrente e Lo Spiritillo, entrambi di Andrea Falconieri (1586 ca. – 1656), che Tanzio da Varallo potrebbe aver incontrato durante la sua permanenza a Napoli.
Ultime composizioni in programma, tutte di argomento sacro, lo Stabat mater dolorosa, per controtenore viola da gamba, tiorba e clavicembalo di Giovanni Felice Sances (1600-1679), Domine in furore tuo per baritono e clavicembalo di Ignazio Donati (1570-1638) e Sancta et immaculata a tre di Orlando di Lasso.
Riguardo agli interpreti, abbiamo potuto apprezzare la straordinaria bravura di tutti i componenti dell’ensemble che, in un contesto reso particolarmente suggestivo dalla presenza dei quadri più rappresentativi della mostra, ha saputo ricreare la raffinata atmosfera legata al periodo compreso fra il tardo rinascimento e gli albori del barocco.
Va ricordato, infine, che il maestro Mencoboni, prima del bis, ha voluto brevemente spiegare che l’origine della sua proposta gli è stata suggerita dagli angeli musicanti, dipinti spesso da Tanzio da Varallo nei suoi “quadri di gratitudine”, così definiti in quanto strettamente collegati ad una trasposizione pittorica del Salmo 150.
In conclusione un concerto bello ed oltremodo interessante, dove il connubio fra musica e pittura è riuscito a catturare l’attenzione del numerosissimo pubblico, mai come in questa occasione attento, partecipe e composto.
______________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.