La rassegna “Musica per lo Spirito” chiude nel segno di San Francesco

Cantico delle CreatureIl Cantico delle Creature di San Francesco d’Assisi viene considerato il punto di partenza della letteratura italiana.
Scritto in tre diversi momenti, fu presumibilmente completato nel 1224 e, da quanto riportato nella Leggenda perugina (manoscritto conservato nella Biblioteca Comunale della città umbra, risalente al XIII-XIV secolo) “Francesco compose anche la melodia, che insegnò ai suoi compagni…”.
Quindi, si può dire che il primo ad aggiungere una parte musicale fu il santo in persona, e non ci si deve meravigliare se la preghiera ha ispirato, nel corso del tempo, numerosi compositori.
L’ultimo, in ordine di tempo, è il napoletano Giacomo Vitale, autore di Laudato sie, cantata sacra, tratta dal “Cantico delle creature” di S. Francesco, per soli, coro, coro di voci bianche ed ensemble strumentale, brano dedicato al Papa, che si avvale anche di alcuni testi di Valter Pesce strettamente legati alla tematica del cantico.
Proposta in collaborazione con l’Associazione Alessandro Scarlatti, la composizione è stata eseguita, in prima assoluta, nell’ambito dell’appuntamento conclusivo di “Musica per lo Spirito”, rassegna organizzata dall’Associazione Musicale Mysterium Vocis allo scopo di raccogliere fondi per il restauro della basilica napoletana dello Spirito Santo.
Per quanto riguarda la cantata, essa contiene numerosi spunti interessanti, pur soffrendo di due sostanziali difetti.
Il primo, relativo al ritmo eccessivamente lento, che attraversa buona parte della cantata, finendo con il trasformare una preghiera gioiosa in qualcosa molto simile ad un requiem.
Il secondo, sicuramente più problematico ed in certo qual modo conseguenza del primo, legato ad un’eccessiva lunghezza della composizione, che porta l’ascoltatore ad arrivare meno favorevolmente disposto nei momenti in cui la musica acquista una maggiore suggestione, cosa che avviene in prevalenza nei pezzi solistici affidati agli strumenti.
Uno sguardo, ora, ai vari interpreti, iniziando dalle tre cantanti, il soprano Valentina Varriale ed i contralti Angela Luglio e Marina Esposito, che si sono confrontate con brani di grande difficoltà, evidenziando tutta la loro bravura.
Non sono stati da meno il Coro Mysterium Vocis, che presenta fra i suoi componenti delle ottime individualità, ed il coro di voci bianche Gli Angiulilli di Napoli, formato da alunni delle classi elementari e medie inferiori, provenienti dall’I.C. “Paolo Borsellino”, nell’ambito del progetto “La musica in mano ai criaturi” (ideato dall’Associazione Alessandro Scarlatti), entrambi diretti con grande intensità da Rosario Totaro e ben accompagnati al pianoforte da Salvatore Biancardi.
Un cenno meritano inoltre gli altri strumentisti, tutti di notevole spessore, che si sono esibiti in brani solistici di elevato virtuosismo e hanno talora accompagnato le compagini corali e le cantanti, da Maurizio Maggiore (vibrafono e percussioni) a Paolo Termina (composizione elettronica), passando per Carolina Dello Iacono (flauto), Giovanni Napolitano (clarinetto), Guido Mandaglio (fagotto), Gianfranco Brundo (sax soprano) e Francesco Manna (tamburi).
Va infine ricordato il basso Guglielmo Gisonni, che si è ritagliato un piccolo spazio nel ruolo di voce recitante.
Si conclude così una rassegna pienamente riuscita, supportata da una discreta presenza di pubblico e caratterizzata da programmi ed interpreti molto validi, per cui l’augurio finale è che l’Associazione Mysterium Vocis possa dare vita, quanto prima, ad una nuova edizione.

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.