Angelo Maria Trovato vince il XIV “Concorso di Composizione” bandito dalla Chiesa Evangelica Luterana. A Luigi Rago il “Premio Caracciolo” assegnato dal pubblico

Premiazione Angelo Maria TrovatoL’appuntamento conclusivo dei “Concerti di Primavera”, rassegna organizzata dalla Comunità Evangelica Luterana di Napoli, è stato dedicato al “Concorso di Composizione”, giunto alla XIV edizione.
Molte le novità rispetto agli scorsi anni, fortemente volute dalla direttrice artistica Luciana Renzetti, a cominciare da una giuria completamente cambiata, presieduta da Monsignor Marco Frisina e composta da Giovanna Ferrara, Raffaele Grimaldi, Paolo Totti, Massimiliano De Foglio e Carlo Forni.
Inoltre, questa volta i concorrenti hanno avuto come temi di riferimento, al posto di passi tratti dai testi sacri, alcune liriche della poetessa Annunziata Sgura, e la possibilità di partecipare a due differenti categorie.
La prima, relativa al “Premio della Giuria”, rivolta a brani per coro femminile a tre voci, la seconda, dedicata a pezzi per flauto solista, riguardante il Premio “Franco Caracciolo”, deciso dai voti del pubblico.
Vincitore della XIV edizione è risultato Angelo Maria Trovato, di Acireale (Ct), con il brano “Parlare di te senza parole”, che ha così bissato la vittoria del 2013 (dove aveva trionfato addirittura in entrambe le categorie).
Il Premio “Franco Caracciolo” è invece andato a Luigi Rago di Sapri (Sa), con “La bellezza salverà il mondo”, in virtù di uno stile che ha incontrato i favori di buona parte degli spettatori presenti.
Uno sguardo sugli interpreti per sottolineare, innanzitutto, la bravura del Coro Femminile Luterano, accompagnato al pianoforte da Tommaso Turchetta, formazione amatoriale che il maestro Carlo Forni ha saputo guidare con mano sicura attraverso strade musicali piuttosto impervie.
A sua volta, la flautista Martina De Longis ha dato lustro ai brani finalisti del Premio “Franco Caracciolo”, evidenziando una nitidezza di suono ed un virtuosismo fuori dal comune.
Ricordiamo ancora gli interventi dell’attore Alessandro Paschitto, il cui compito era quello di leggere le liriche di Annunziata Sgura, e la presenza della vedova di Franco Caracciolo, Maria, che ha voluto premiare di persona, come di consueto, il vincitore della categoria intitolata a suo marito.
Non ci resta che dare appuntamento all’edizione 2015 del concorso che avrà come riferimento alcune liriche di Alda Merini e sarà suddiviso sempre in due categorie, una rivolta a brani per coro femminile e l’altra incentrata su brani solistici per chitarra.

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.