Sabato 17 maggio nella Basilica di San Giovanni Maggiore il Coro Vocalia e l’Ensemble Discantus, diretti da Luigi Grima, celebrano il trecentesimo anniversario della nascita di Niccolò Jommelli

Basilica di San Giovanni MaggioreSabato 17 maggio, alle ore 20.30, nella Basilica di San Giovanni Maggiore (rampe San Giovanni Maggiore – Napoli), nell’ambito delle celebrazioni del trecentesimo anniversario della nascita di Niccolò Jommelli (1714-1774), concerto del Coro Vocalia e del Discantus Ensemble, formato da Antonello Grima e Manuela Albano (violoncelli), Gennaro Pupillo (contrabbasso) e Mauro Russo (fagotto), diretti dal maestro Luigi Grima, con la partecipazione del tenore Guido Ferretti e del basso Piero Vitiello

Niccolò Jommelli – Agonia di Gesù Cristo
Da secoli la liturgia del venerdì santo prevede la funzione delle Tre ore di Agonia di Gesù sulla Croce, quale esperienza di fede e devozione.
Il testo anonimo si articola in sette brani che propongono una meditazione sulle “Sette parole di Gesù sulla Croce” riportate nelle pagine dei Vangeli che preparano ad accogliere, con venerazione, il mistero della Croce che dà senso alla vita cristiana; il brano conclusivo è preceduto dal sonetto “Jesus autem emissa voce magna expiravit”.
Nonostante l’argomento trattato, l’Agonia di Gesù Cristo musicata da Niccolò Jommelli si presenta subito come un meraviglioso esempio di impiego di spunti teatrali introdotti in una composizione sacra.
La bellezza delle melodie, l’immediatezza dell’ispirazione, la capacità creativa, la continua ricerca di realizzazioni armoniche, la naturalezza delle idee musicali rendono questa composizione una sorta di compendio di ciò che ha prodotto la gloriosa scuola napoletana del ‘700 e mettono in risalto da chi e da dove è partito tutto quello che di più bello si è espresso musicalmente nell’Europa di quel periodo.
La particolarità della composizione si evidenzia subito osservando l’originalità dell’organico strumentale adoperato dal compositore: contrabbasso, due violoncelli e fagotto. Che meraviglia!
Colore e calore ottenuti con una timbrica cosi apparentemente cupa ma che, usata magistralmente, riesce a rendere il senso di inquietudine che il testo sottende e che Jommelli alleggerisce senza cadere mai nel grottesco.
Le sette parole di Gesù sulla Croce vengono “commentate” in modo teatrale sì, ma rispettoso dell’intensità del testo.
Dopo l’incalzante invito “Deh, venite ad ascoltar di Gesù gli ultimi accenti”, si passa ad un tenerissimo “di mille colpe reo” con cui, sottovoce, si chiede al Signore di perdonare, perché non sanno quel che fanno.
Un’intensa ed incalzante introduzione strumentale in tonalità minore ci porta nell’angoscia del “quando morte con l’orrido artiglio”, poi nella supplica espressa in maniera sempre più intensa del “deh Signor ti sovvenga di me” per arrivare, solo dopo aver “deposta la squallida salma”, ad un colpo di scena teatrale, quasi un finale di atto concertato a quattro voci, ed un “venga l’alma a regnare con te” in allegro moderato che, con un seppur piccolo crescendo finale, dà il senso della fine di una prima parte.
L’infinita tenerezza della madre che vede morire il figlio viene introdotta dal calore del fagotto per poi abbandonarsi alla delicatezza del “volgi, deh volgi a me il tuo ciglio” con cui il coro commenta il momento in cui Gesù affida la madre al suo discepolo Giovanni.
Il momento di disperazione del “Dio mio, perché mi hai abbandonato?” viene introdotto dal violoncello che si muove con insofferenza, con delle appoggiature dolorose prima e con un’intensa articolazione incalzante poi, che porta ad un “dunque, dal Padre ancora abbandonato sei” che non lascia spazio ad interpretazioni: la parola “abbandonato” viene usata con grande maestria, in modo irriguardoso, bene articolata, per poi arrivare alla conclusione che “ridotto t’ha l’amore a questo, oh buon Gesù!” con una scansione ritmico-sillabica che rende il momento ancora più intenso.
Nessuno si aspetta il cambiamento in tonalità maggiore e la caratterizzazione ritmica de “ed io coi falli miei” che crea un momento a sé, un’entrata in scena di un personaggio inaspettato e forse inopportuno, che lascia subito il campo al grido di “piuttosto, oh Dio morir” all’unisono del coro e degli strumenti, per arrivare alla sofferenza del“non più peccar”che prima in modo struggente, poi in modo ansimante e chiudendo in crescendo, ci porta a concludere con quel senso di pace che solo un tanto atteso accordo maggiore può concedere dopo il tormento che l’ha preceduto..
Dopo che l’universo attonito compiange il suo Signor, arriva il momento in cui la morte di Gesù viene enunciata dal coro tristemente più volte, fino allo stremo: sembra che i protagonisti lascino il palcoscenico uno alla volta, fino al calar del sipario.

Costo del biglietto: 10 Euro

Informazioni:
associazionediscantus@gmail.com
luigi.grima@alice.it

________________________________________

sabato 17 maggio, ore 20.30, Basilica di San Giovanni Maggiore (Rampe san Giovanni maggiore, traversa via Mezzocannone)

Coro Vocalia

Ensemble Discantus
Antonello Grima e Manuela Albano, violoncelli
Gennaro Pupillo, contrabbasso
Mauro Russo, fagotto

Guido Ferretti, tenore
Piero Vitiello, basso

Luigi Grima, direttore

Programma

Gregoriano: Pange lingua (solista Guido Ferretti)

L. Grima: Dies Irae

J. de Berchem: O Jesu Christe

G. B. Pergolesi: Vexilla Regis

Niccolò Jommelli: Agonia di Gesù Cristo per soli, coro e strumenti (revisione Pietro Andrisani)
Solisti: Guido Ferretti e Piero Vitiello

________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.