Giovedì 13 marzo l’Associazione Alessandro Scarlatti ospita il trio Zukerman-Forsyth-Cheng

Logo Associazione Alessandro Scarlatti 2013-2014Il grande talento del violinista Pinchas Zukerman è da molti anni un’ispirazione per i giovani musicisti di tutto il mondo.
Nel continuo tentativo di motivare le nuove generazioni di musicisti, nel 2002 Zukerman ha riunito i suoi allievi negli Zukerman Chamber Players, che partecipano regolarmente ai maggiori festival estivi degli Stati Uniti.
L’ ensemble, che ha già riscosso un ampio successo in passato, si presenta giovedì 13 marzo 2013 nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo, nell’ambito della stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti, con un programma in trio (formato da Pinchas Zukerman al violino, Amanda Forsyth al violoncello e Angela Cheng al pianoforte) – variato rispetto al quintetto annunciato a causa della improvisa defezione per cause di salute di uno dei componenti – intenso e affascinante che è quasi un monumento alla musica da camera, sorretto da due colonne della letteratura cameristica di tutti i tempi: il Trio “Dumky” di Dvořák e il Trio “Arciduca” di Beethoven.

Costo del biglietto

Platea I settore: 25 Euro
Platea II settore: 20 Euro
Platea III settore
Intero: 15 Euro
Giovani (under 35): 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

Associazione Alessandro Scarlatti
Infoline: 081 406011
Sito web: www.associazionescarlatti.it
e-mail: info@associazionescarlatti.it

_________________________________________________________

Programma

Zukerman Chamber Players
Pinkas Zukerman, violino
Amanda Forsyth, violoncello
Angela Cheng, pianoforte

Antonín Dvořák (1841 – 1904): Trio “Dumky” in mi minore op. 90

L. van Beethoven ( 1770 – 1827): Trio in si bemolle maggiore op. 97 “Arciduca”

Pinchas Zukerman ha da sempre determinato una costante spinta a motivare le future generazioni attraverso la propria straordinaria maturità artistica.
E’ infatti nel 2002 che, con suoi quattro giovani protegès fonda gli Zukerman Chamber Players.
L’esemble ha da subito collezionato un’ impressionante lista di tournées internazionali, apparendo al fianco dei più importanti artisti contemporanei.
Gli Zukerman Chamber Players hanno inciso quattro dischi per le etichette CBC, Altara e Sony, incluse le registrazioni del quintetto “La trota” di Schubert e il quartetto di Mozart in mi bemolle con Yefim Bronfman, immesse sul mercato discografico nel 2008.
Nel corso della stagione ’13/’14, gli Zukerman Chamber Players sono apparsi presso i Festivals di Ravinia, Verbier, Pietrasanta ed hanno fatto ritorno in Sud America per una tournée di trentotto concerti.
L’ ensemble è inoltre regolarmente ospite in Italia, e negli Stati Uniti ove suonano abitualmente nell’ambito del Festival di musica da camera di Detroit.
L’attuale stagione concertistica si concluderà per gli Zukerman Chamber Platers presso il Festival Miyazaki in Giappone.
Nel corso delle precedenti stagioni, l’esemble ha debuttato persso il New York City’s 92nd Street Y, Berkeley’s Call ed una serie diconcerti in Israele, Grecia, Turchia e Cina, nonché il debutto nell’ambito del December Light’s Festival di Mosca con trasmissione televisiva del concerto in diretta.
L’ ensemble ha debuttato in Nuova Zelanda nel 2009, ed ha complessivamente eseguito centocinquanta concerti negli ultimi cinque anni. Gli Zukerman Chambers Players appaiono abitualmente nell’ambito di tutti I festivals di maggior prestigio negli Stati Uniti, inclusi Ravinia, Aspen, Tanglewood, La Jolla e Santa Fe.
Impegni internazionali fanno riferimento ai BBC London Proms, Concertgebouw Hall, Festival di Cortona, Vienna, Parigi, Milano, Genova, Napoli, Barcellona, Budapest, Copenhagen, Verbier, Varsavia e Yerevan.
I programmi musicali del gruppo includono abitualmente repertorio per duo, trio, quartetto, quintetti con pianoforte ed ulteriori programmi di musica da camera.
Nel corso della stagione ’12/’13, Pinchas Zukerkman ha tenuto oltre cento concerti in tutto il mondo, che lo hanno visto protagonista presso importantissimi centri musicali in Nord America, Europa e Asia; il M° Zukerman è attualmente alla sua quindicesima stagione in qualità di Direttore Musicale dell’ Orchestra della National Arts Center di Ottawa.
E’ inoltre alla sua quinta stagione in qualità di Pricipal Guest Conductor della Royal Philarmonic Orchestra London, alla guida della quale ha tenuto tourneés in Svizzera, Russia e Regno Unito. Ulteriori presenze hanno incluso Boston, San Francisco, Cincinnati, Colorado e Kansas City Symphonies.
E’ inoltre apparso, in veste di Direttore e Solista presso: Israel Philharmonic Orchestra, Orchestra del Teatro Mariinsky, Czech Philharmonic Orchestra, Bayerische Rundfunk Sinfonieorchester, Moscow Virtuosi, Mizayaki Festival Orchestra, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra dl Teatro S. Carlo di Napoli.
Tiene inoltre abitualmente recitals con accompagnamento pianistico di Angela Cheng a Salisburgo, Praga, Philadelphia, Palm Beach, Milano, Genova, Taiwan, Madrid, Helsinki Verbier e molti altri.
Nato a Tel Aviv, Pinchas Zukerman giunge in America nel 1962, dove ove intraprende la propria formazione musicale presso la Juilhard School con Ivan Galamian.
Nel corso della propria straordinaria carriera è stato insignito della Medal of Arts, il premio Isaac Stern for Artistic Excellence, ed è stato insignito con il Rolex Mentor and Protégé Arts Initiative quale primo strumentista mentore nell’ambito della disciplina musicale.
Nell’ ultimo decennio è stato internazionalmente apprezzato in qualità di Direttore d’Orchestra, alla guida delle Orchestre più importanti al mondo ed alla direzione dei repertori di maggior rilievo.

Vincitrice del Canadian Juno Award Amanda Forsyth è considerata una delle più dinamiche violoncelliste nord americane.
L’ intensa ricchezza di toni, la pregevole tecnica e l’ eccezionale musicalità affascinano costantemente l’ uditorio ed ottengono il massimo apprezzamento da parte della critica.
Nel 1999 Amanda Forsyth è nominata primo violoncello della National Arts Centre Orchestra, dove appare regolarmente sia in veste di solista sia nell’ambito di organici cameristici.
E’ riconosciuta come un’ apprezzata “recitalist”, solista e musicista da camera, apparendo costantemente al fianco di orchestre di tutto livello in Canada, Stati Uniti, Europa, Asia e Australia.
Ha inoltre inciso per etichette quali Fanfare, Marquis, Pro Arte e CBC.

Di straordianrio talento per la sua tecnica brillante, per la la bellezza della tonalità e per la superba musicalità, la pianista canadese Angela Cheng, tiene regolarmente concerti in Nord America come come recitalist e solista con orchestre.
Angela Cheng è stata insignita della Gold Medal nell’ambito della Arthur Rubinstein International Piano Masters Competition ed è inoltre stata la prima canadese a vincere la prestigiosa Montreal International Piano Competition.
Ulteriori riconoscimenti includono il Canada Council’s coveted Career Development Grant e la Medal of Excellence per la rilevante interpretazione di Mozart presso il Mozarteum di Salisburgo.

Il Trio “Dumky” in mi minore op. 90 – nota a cura di Massimo Lo Iacono

Dopo il colossale Trio in fa minore op. 65, di durata doppia del secondo op. 26, ma che mantiene nelle linee generali l’impostazione dei precedenti, e della consolidata tradizione cameristica, il quarto e ultimo lavoro di Dvořák per questa formazione diventata ormai aulica e nobile nel volgere del XIX secolo, è una brillante suite incentrata sulla Dumka, canto popolare malinconico, talvolta in forma di Lied, di origine slava e affine alla musica popolare ucraina, di cui condivide il carattere struggente.
È una formula musicale di gusto romantico e prediletta dai compositori slavi più vicini alla Romantik, per l’andamento sognante ed evocativo; qualche studioso vi ha trovato affinità con la ballata del Romanticismo tedesco.
Dvořák ha realizzato questo non breve Trio articolandolo in sei pezzi, piuttosto che in movimenti, e gli esegeti della singolare pagina si dividono tra due posizioni: considerare assolutamente autonoma ogni singola “dumka”, oppure considerare insieme le prime tre, quale grande ballata strumentale.
La scelta esecutiva appartiene poi insindacabilmente agli strumentisti che interpretano il lavoro.
Andamento quasi improvvisato, frasi irregolari, ritmi con cambiamenti a sorpresa, mancanza di sviluppi, ripetizioni insistite, intervalli poco usuali conferiscono un fascino particolare a questo Trio, cui arrise subito grande successo già a partire dalla prima esecuzione avvenuta nel 1891, con l’autore al pianoforte.
La prima “dumka” è esemplare e chiarificatrice della formula generale usata da Dvořák in tutta la composizione: breve, brevissima introduzione, un paio di sezioni contrastanti, rilievo espressivo e strumentale conferito via via a turno ai tre strumenti. Di questo primo pezzo del trio-suite si ricorderà l’andamento danzante, del secondo quello di cantilena, del terzo la bella invenzione melodica, del quatto la “berceuse”, del quinto il recitativo, del sesto la complessa articolazione, che in qualche modo suscita il ricordo della prima “dumka”.

________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.