A Viggiano la nona edizione del Concorso Internazionale di Flauto “Leonardo De Lorenzo” si chiude con sei premiati ma nessun vincitore assoluto

Viggiano foto premiati 2013Risulta abbastanza raro che, in una competizione musicale, il primo premio non sia assegnato, ma la cosa può succedere, soprattutto se il regolamento prevede un unico vincitore e, nel contempo, i concorrenti giunti alla prova conclusiva si attestano su un medesimo livello, comunque molto elevato.
Questo concetto, espresso dal maestro Gian-Luca Petrucci in apertura della serata finale del IX Concorso Internazionale di Flauto “Leonardo De Lorenzo”, svoltosi recentemente a Viggiano (Pz) nella Sala “Famiglia Salvi” dell’Hotel dell’Arpa, descrive in modo sintetico ed esaustivo un’edizione, quella appena chiusa, caratterizzata da un sostanziale equilibrio.
Non a caso l’illustre giuria, formata da András Adorján (presidente), Carol Wincenc, Thomas Pinschof, Paolo Pollastri, e dal già citato Gian-Luca Petrucci, ha ammesso alla terza ed ultima prova ben sei dei tredici iscritti, premiandoli tutti, e assegnando il secondo posto alla francese Chloé Dufossez e agli italiani Serena Aimo ed Enrico Sartori, mentre il terzo posto è andato al sudcoreano Yang U-Tum e agli italiani Giorgio Consolati e Raffaele Bifulco.
Da queste brevi righe si può dedurre l’alto valore che contraddistingue da sempre il “De Lorenzo”, competizione biennale aperta ai flautisti che non abbiano superato i 35 anni, creata dal maestro Petrucci per ricordare il compositore e flautista viggianese, che emigrò negli USA ai primi del Novecento, diventando un punto di riferimento per generazioni di interpreti.
In particolare, il concorso di quest’anno ha confermato la bontà della scuola italiana, con quattro finalisti su sei partecipanti, il respiro internazionale della manifestazione, considerando la presenza di una francese, due russi e quattro orientali, mentre il riconoscimento assegnato alla Dufossez, appena sedicenne, colloca la flautista fra i più giovani premiati in assoluto, preceduta in questa speciale classifica probabilmente solo dalla quindicenne sudcoreana Yaeram Park, terza nell’edizione 2011.
La manifestazione è stata completata da tre appuntamenti serali, seguiti da un pubblico numeroso, costituito da appassionati di musica e autorità locali, a cominciare dal concerto svoltosi nella Basilica Pontificia di S. Maria del Monte, dove Attila Falvay (violino), János Fejérvári (viola) e György Éder (violoncello), componenti del celebre Quartetto Kodály, insieme alla flautista Ginevra Petrucci e all’oboista Paolo Pollastri hanno eseguito musiche di Mozart, Beethoven e Bach.
Gli altri due, tenutisi nell’Hotel dell’Arpa, erano rispettivamente affidati, come consuetudine, ai membri della giuria e ai vincitori del concorso.
I primi hanno celebrato Verdi, nel bicentenario della nascita, e omaggiato il loro collega Jean-Michel Damase, grande compositore e flautista francese, scomparso lo scorso aprile, che nelle passate edizioni aveva fatto spesso parte della giuria.
Dal canto loro i premiati hanno riproposto alcuni dei brani interpretati lungo la competizione, tratti dalla produzione di De Lorenzo (Pan e Marsia, dalla Suite Mythologique e Sogno Futuristico) e di Mozart (Quartetto in re maggiore KV 285), accompagnati, in quest’ultimo caso dai tre componenti del Quartetto Kodály, che hanno anche supportato i concorrenti durante la prova conclusiva.
L’appuntamento è ora al 2015, per la decima edizione della competizione che, a prescindere da chi subentrerà alla guida del comune (il mandato dell’attuale giunta scade infatti il prossimo anno), non dovrebbe correre rischi, vista la risonanza ottenuta in tutti questi anni, la sua collocazione fissa nell’ambito degli eventi viggianesi e la capacità, per qualche giorno, di rendere un po’ meno amari gli enormi problemi di natura ambientale che attanagliano la popolazione locale, provocati dalla presenza, nella pianura sottostante, del Centro Oli Val d’Agri, preposto alla separazione del petrolio greggio estratto dal sottosuolo, dai gas naturali e dall’acqua, prima dell’invio a Taranto tramite un oleodotto.

________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.