Il Coro Polifonico della Pietrasanta alla scoperta di nuove sonorità

Coro Polifonico della PietrasantaFondato nel 1998 e diretto, fin dalla nascita, dal maestro Rosario Peluso, il Coro Polifonico della Pietrasanta, si è saputo in questi anni ritagliare un suo spazio nell’ambito del panorama nazionale.
Da un po’ di tempo a questa parte, la compagine sta approfondendo il repertorio contemporaneo, mettendo in evidenza autori spesso poco noti, ma di alto livello.
Proseguendo su questa linea, il gruppo vocale ha tenuto due concerti, uno nella Chiesa del Purgatorio ad Arco e un altro nel “Museo del Sottosuolo”, entrambi nel centro storico di Napoli, confrontandosi con un programma molto articolato.
Prima parte interamente dedicata al repertorio mariano, iniziando da Ponetemente, rielaborazione moderna del compositore aretino Lorenzo Donati di un brano tratto dal Laudario di Cortona (XIII sec.), dove la Madonna descrive il dolore patito per la crocifissione del figlio.
A seguire Beata Viscera, del trentino Roberto Di Marino, A Hymn to the Virgin, fra i primi pezzi composti in assoluto dall’inglese Benjamin Britten (1913-1976), l’Ave Maria che ha dato la notorietà al tedesco Franz Biebl (1906-2001) e O Magnum Mysterium del porticese Gaetano Panariello, tutti pregevoli contributi alla musica sacra del Novecento.
La seconda parte, rivolta principalmente a pezzi profani, si è aperta con La brouette e Il dit non avec la tête, da 8 historiettes, per coro a 4 voci miste di Davide Liani, basate su alcune poesie di Prévert.
E’ stata poi la volta di Les Boîtes à Musique di Guy Lafarge e Pierre Philippe (arr. Acciai), tratta dall’operetta “La belle Arabelle” (1956), che ha preceduto Contre Qui, Rose del danese Morten Lauridsen (da Les Chansons des roses, ispirato alle liriche di Rainer Maria Rilke).
Successivamente toccava a due brani di Rosario Peluso, la prima assoluta di Pir cori meu, originato da una poesia siciliana del 1200 ed omaggio a Luciano Berio a 10 anni dalla scomparsa, e ‘Sto Core Mio, che aveva come riferimento l’omonimo brano di Orlando di Lasso.
Il concerto si chiudeva con La Baia Tranquilla di Lorenzo Donati, il cui testo apparteneva ai Canti di Castelvecchio di Pascoli, e con il natalizio Lux Aurumque (2000) dello statunitense Eric Whitacre.
Per quanto riguarda il Coro Polifonico della Pietrasanta, come sempre ottimamente diretto da Rosario Peluso, ha fornito una prova di grande livello, trasferendo intense emozioni al numeroso pubblico intervenuto.
Inoltre, la compagine è riuscita pienamente a raggiungere uno degli scopi principali dell’intera operazione, non a caso intitolata “Trame di Suono”, che era appunto quello di sperimentare le variazioni di sonorità in due contesti piuttosto differenti (nel nostro caso una chiesa e un sotterraneo), in modo da avere la possibilità di ri-creare molti dei brani interpretati, seguendo i concetti di infinita variabilità e di continua dinamicità, che ben si addicono ad un certo tipo di composizioni contemporanee.
Infine, ulteriore pregio del programma, è consistito nel tentativo di far incontrare il pubblico con la musica di oggi, mediante la scelta di brani di elevato valore, cercando così di superare quelle ostilità e quei pregiudizi accumulati da decenni, non sempre a torto, nei confronti della modernità.
In conclusione, quindi, un concerto molto bello, da riproporre in un contesto ancora differente, in modo da poter continuare questo interessante e suggestivo esperimento.

________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.