Sabato 13 aprile la rassegna della GMI di Modena “Tre punti Verdi” si chiude con il Quartetto d’archi Schumann

Quartetto SchumannSi chiude sabato 13 aprile la rassegna “Tre punti Verdi” con cui la GMI modenese ha proposto un percorso originale all’interno della musica del Maestro di Busseto: dopo un confronto-incontro con Wagner e un Verdi in jazz, è ora la volta dell’esecuzione dell’unico brano importante di musica cameristica strumentale di Verdi: il Quartetto per archi, risalente al 1872-1873 (eseguito per la prima volta a Napoli, in forma privata, durante l’allestimento della Prima italiana di Aida).
La formazione ospite della stagione concertistica della Gioventù musicale d’Italia sede di Modena sabato 17 aprile sarà il Quartetto Schumann, una delle formazioni tedesche più promettenti della nuova generazione, considerazione della critica consacrata dal Primo Premio che gli è stato assegnato al Concorso Internazionale “Franz Schubert and Modern Music” di Graz nel 2012.
Il concerto al Teatro San Carlo avrà inizio alle ore 17.30, con un programma dedicato al genere quartettistico di Beethoven, Ives, Verdi.

Il primo violino, uno dei tre fratelli che fanno parte del quartetto, Erik Schumann, è stato ospite il 9 febbraio del teatro Pavarotti, come solista nel concerto op.61 di Beethoven, con l’orchestra di Norimberga.
Fondato nel 2007 alla Hochschule für Musik di Colonia, dal 2009 il Quartetto è “Artista in Residence” alla famosa Robert Schumann Hall di Dusseldorf nel 2011 ha vinto il Secondo Premio al Concorso Internazionale di Osaka e il Premio Speciale delle Jeunesses Musicales tedesche al Concorso Borciani”.
Nel 2012 ha tenuto una tournée in Giappone ricevendo il plauso unanime del pubblico e della critica specializzata.
Il Quartetto è composto dai tre fratelli SchumannErik (violino), Ken (violino), Mark (violoncello) e da Liisa Randalu (viola) – e attualmente sono allievi di Harald Schoneweg (secondo violino del Cherubini Quartet) e del Quartetto Alban Berg presso la Hochschule für Musik di Colonia.
Studiano anche con Gunter Pichler alla “Escuela Superior de Música Reina Sofía di Madrid”.

Il programma prenderà avvio dal terzo Quartetto in re maggiore op.18 di Ludwig Van Beethoven (1770-1827), pubblicato insieme agli altri cinque dell’opera nel 1801 e dedicati al principe Lichnowsky.
Il brano è improntato ancora allo spirito settecentesco sulla linea della tradizione di Haydn e di Mozart.
Si passerà al secondo Quartetto per archi di Charles Ives (1874-1954) composto tra il 1907 e il 1913; qui Ives riprende la definizione secondo cui il genere quartettistico apparirebbe come una “conversazione ragionevole tra amici”.
In questo brano, i quattro strumenti danno vita a un percorso ricco di invenzioni linguistiche e timbriche anticipatrici di soluzioni utilizzate da maestri europei del primo Novecento, come Schönberg e Bartok, autori di alcuni dei più importanti quartetti moderni.
Il concerto si chiuderà con il Quartetto in mi minore di Giuseppe Verdi (1813-1901), eseguito a Napoli nel 1873 e composto probabilmente per proporre un modello italiano in risposta al fenomeno delle Società del Quartetto italiane che nascevano in quel periodo difendendo idee di esclusivismo culturale e di apertura alla musica strumentale tedesca.

I biglietti, da 10 e 15 euro, sono acquistabili presso Punto Touring di Piazzale San Domenico 4 a Modena (tel 059-223344), on line sul sito www.gmimo.it o il giorno stesso del concerto al Teatro Fondazione San Carlo (via San Carlo 5 – Modena) a partire dalle ore 16.30.

Ufficio GMI
Modena, Rua Muro 59
e-mail: info@gmimo.it
Tel.: 059 9781690

Ufficio stampa
Cecilia Brandoli
e-mail: cecilia.brandoli@gmail.com
cell.: 333 21 67122

_________________________________

Programma

Sabato 13 aprile, ore 17.30 – Teatro San Carlo di Modena

Quartetto d’archi Schumann
(vincitore del Primo premio al Concorso Schubert di Graz 2012)

Erik Schumann, violino
Ken Schumann, violino
Liisa Randalu, viola
Mark Schumann, violoncello

Ludwig Van Beethoven (1770-1827): Quartetto op.18 n. 3 in re maggiore

Charles Ives (1874-1954): Quartetto n. 2

Giuseppe Verdi (1813-1901): Quartetto in mi minore

_________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo

tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...