Domenica 17 marzo la GMI di Modena propone “Another Idea of North, omaggio a Glenn Gould”: la voce di Glenn Gould, il piano di Víkingur

Víkingur Ólafsson

Víkingur Ólafsson

La Gioventù musicale d’Italia sede di Modena presenta domenica 17 marzo 2013, alle ore 17.30, il recital di quello che è considerato come uno dei più originali talenti del pianoforte dei nostri giorni, alla sua seconda apparizione sul suolo italiano: il pianista islandese Víkingur Ólafsson.
C’è chi lo ha descritto come un epigono di Glenn Gould, chi ha intravisto nel suo pianismo “postmoderno” un interprete fresco e anticonformista.
All’Auditorium Marco Biagi di Modena lo si potrà giudicare in un programma che è di per sé un bell’omaggio al genio di Gould a 80 anni esatti dalla nascita e a 30 dalla morte: di Johann Sebastian Bach, le Partite n. 5 e n. 6, di Brahms i 3 Intermezzi op. 117, di Grieg il Pezzo Lirico op. 71 “Woodland Peace”, di Jean Sibelius la Sonatina in mi maggiore op. 67 n. 2, infine lo struggente Isoldes Liebestod (Amore-morte di Isotta) di Wagner-Liszt.
Il recital di Víkingur Ólafsson s’intitola, infatti, Another Idea of North, Omaggio a Glenn Gould: è uno speciale progetto che il 28enne pianista islandese sta portando in giro per il mondo da alcuni mesi con cui intende celebrare il sommo pianista canadese Glenn Gould che, nel 2012, avrebbe compiuto 80 anni.

Alle due Partite di Bach, eseguite nella prima parte, segue una seconda metà legata alla trasmissione radiofonica The Idea of North, in cui Gould esplorava la solitudine nelle remote regioni del Canada settentrionale: Gould aveva descritto il programma come “l’intento più vicino a una dichiarazione autobiografica da proporre in radio”.
La voce di Gould, in alcuni passaggi registrati e trasmessi dagli altoparlanti in teatro, in cui il pianista disserta filosoficamente sulla natura della musica e della perfomance, o in cui ironizza sulla fuga radiofonica come in So you want to write a fugue (Così vuoi scrivere una fuga), riecheggerà in apertura e nel corso del concerto, in un affascinante gioco fra passato e realtà.
Nella seconda parte del programma gli ultimi intermezzi di Brahms sono, tra le registrazioni di Gould, quelle a cui teneva di più, mentre la scelta di Grieg ha un carattere più personale: egli sosteneva, infatti, che Grieg (che era cugino della nonna materna di Gould) fosse per lui come uno zio, tanto da nominarlo “zio Edvard”.
Sibelius, nei suoi ultimi anni, è stato per lui l’emblema della solitudine
Chiude il cerchio Isolde’s Liebestod, forse l’ultima frontiera della solitudine e dell’interpretazione gouldiana.

Classe 1984, considerato ormai come il più importante concertista dell’Islanda, Víkingur Ólafsson sta ricevendo molta attenzione anche dalla stampa internazionale: ha studiato alla Juilliard School con Robert McDonald e Jerome Lowenthal.
Nel 2008 ha debuttato all’Avery Hall a New York.
Ha collaborato con artisti quali Björk e Martin Fröst e direttori quali Vladimir Ashkenazy, Ilan Volkov, Petri Sakari e Roberto Abbado.
I compositori Haukur Tómasson, Daníel Bjarnason, Snorri Sigfús Birgisson, Mark-Anthony Turnage e Atli Heimir Sveinsson hanno scritto per lui.
Attualmente lavora a un progetto per la televisione islandese dove parla di musica in 10 episodi che saranno trasmessi nel 2013.
Ha inaugurato la nuova sala da concerti Harpa, a Reykjavik, dove cura un festival di musica da camera.
Numerosi i riconoscimenti: due Icelandic Music Award, l’American-Scandinavian Society Cultural Prize, la borsa di studio Vladimir Horowitz alla Juilliard School, Rotary Foundation Cultural Grant e Icelandic Optimism Prize 2009.
Nel 2009 è stato il più giovane artista nominato per il Nordic Council Music Prize.

I biglietti, da 10 e 15 euro, sono acquistabili presso Punto Touring di Piazzale San Domenico 4 a Modena (tel 059-223344), on line sul sito www.gmimo.it o il giorno stesso del concerto all’auditorium Marco Biagi (largo M.Biagi 10 – Modena) a partire dalle ore 16.30.

Ufficio GMI
Modena, Rua Muro 59
e-mail: info@gmimo.it
Tel.: 059 9781690

Ufficio stampa
Cecilia Brandoli
e-mail: cecilia.brandoli@gmail.com
cell.: 333 21 67122

_________________________________

Programma

Domenica 17 marzo ore 17.30
Auditorium Marco Biagi
Another Idea of North – Omaggio a Glenn Gould
Vikingur Olafsson, pianoforte

La voce di Glenn Gould e musiche di Bach, Brahms, Grieg, Sibelius, Wagner-Liszt

Johann Sebastian Bach (1685-1750): Partite n. 5 e n. 6

Johannes Brahms (1833-1897): 3 Intermezzi op. 117

Edvard Hagerup Grieg (1843-1907): Pezzo Lirico op. 71 “Woodland Peace”

Jean Sibelius (1865-1957): Sonatina in mi maggiore op. 67 n. 2

Richard Wagner (1813-1883) – Franz Liszt (1811-1886): Isoldes Liebestod (Amore-morte di Isotta)

________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.