Da mercoledì 22 a venerdì 24 febbraio “Viaggio in Italia” di Gaetano Panariello per la stagione del Teatro di San Carlo rivolta alle scuole

Mercoledì 22 febbraio, alle ore 11.00 (con replica giovedì 23 febbraio e venerdì 24 febbraio, sempre alle ore 11.00), per la stagione del Teatro di San Carlo dedicata alle scuole, sarà allestita l’opera per ragazzi “Viaggio in Italia” per voce recitante, solisti, coro e orchestra, su testi e musica di Gaetano Panariello, con la partecipazione dell’Orchestra, solisti e coro del Teatro di San Carlo, diretti da Maurizio Agostini (Maestro del Coro: Salvatore Caputo) e di Annie Pempinello (voce recitante), Valeria Attianese (soprano), Deborah Volpe (contralto), Sergio Voccia (tenore), Sergio Valentino (baritono)

Costo del biglietto: 10 Euro

Innanzitutto un viaggio tra la gente (note del maestro Gaetano Panariello)

Volevo celebrare il 150° dell’Unità d’Italia con un doppio obiettivo: da un lato raccontare l’Italia dell’arte, della cultura, della storia, dei paesaggi e delle bellezze naturalistiche, dall’altro sottolineare al pubblico dei giovani a cui l’opera si rivolge, che le tematiche del lavoro, della famiglia, dell’amore, della ritualità delle feste, sono praticamente identiche in tutta la penisola e che i dialetti regionali – apparente diversità – sono invece la caratteristica che rende le stesse sempre vere, vive ed attuali.
Il tutto alla luce di una constatazione fondamentale, che il cuore dell’opera nel numero intitolato GUARDA LA GENTE, mette palesemente a fuoco: “siamo tutti diversi ma tutti italiani!”.
Nel graduale processo di avvicinamento a questa considerazione mi sono servito, da una parte, degli spunti offerti dalla ampia letteratura di viaggio nella nostra penisola (su tutti il “Viaggio in Italia” di Wolfgang Goethe – ma ci sono riferimenti alla “Old Calabria” di Norman Douglas, al “Diario di un viaggio a piedi” di Edward Lear…..), dall’altra dello sconfinato repertorio di canto popolare appartenente alle diverse regioni italiane.
Operando in maniera creativa sui frammenti dei diari di viaggio (per lo più sono evidentemente “inventati” à la manière de) e “ricomponendo” i canti popolari (la riscrittura orchestrale e vocale segue in maniera omogenea gli spunti stilistici dichiarati sin dai primi due numeri – “Si parte, evviva” e “Il treno Fantastitalia” – che hanno quasi caratteristiche da musical) ho elaborato un’opera che indugiasse non tanto sulla descrizione “del” nostro paese quanto piuttosto sulla descrizione delle impressioni ricevute “dal” nostro paese e “dalla” nostra gente.
Il treno FANTASTITALIA 18-3-861 che può, con la velocità del pensiero, passare da una regione ad un’altra alla sola lettura delle pagine di un “Diario di viaggio” un po’ speciale, rappresenta il mezzo con il quale i giovani possono capire e superare le “diversità” pur esistenti tra Nord e Sud, tra città e città, talvolta tra quartiere e quartiere: è l’ITALIA stessa su cui quotidianamente “viaggiano” uomini e donne diversi (emblematica la metafora degli artisti del coro che si “trasformano” continuamente a contatto con testi e dialetti carichi di storia pur rimanendo “uniti” nella “necessità” della realizzazione artistica).
Il personaggio della “guida” si presta a più livelli di lettura: è elemento tecnico dello svolgimento dello spettacolo, semplice trait d’union dei vari numeri di cui si compone l’opera, ma al contempo diviene metafora dell’Italiano: arriva in ritardo alla stazione pur essendo il “motore” del treno, e di fronte alla difficoltà recupera tutte le virtù “simbolo” per eccellenza di italianità: estro, creatività, fantasia, intelligenza riuscendo comunque ad esercitare il suo fondamentale ruolo di guida del treno e risolvendo, di fatto il problema da lui stesso creato.
Il Viaggio continua…………buon compleanno, Italia!

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.