Martedì 14 febbraio “La Musica delle Passioni” al Teatro di Corte del Palazzo Reale di Napoli

Nell’ambito dell’evento “San Valentino, innamorati dell’Arte” promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Massimo Fargnoli presenta “La Musica delle Passioni”, con la partecipazione straordinaria di Claudio Strinati, Stefano Gizzi e del pianista Giovanni Bellucci che interpreterà musiche di Beethoven, Berlioz, Wagner, Verdi/Liszt e Chopin.
Tale evento, che avrà luogo martedì 14 febbraio, alle ore 17.00, al Teatro di Corte del Palazzo Reale, diretto dalla dott.ssa Gina Ascione è reso possibile dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Napoli e Provincia retta dall’Architetto Stefano Gizzi, e dall’Accademia Musicale Napoletana fondata nel 1933 da Alfredo Casella, grazie alla collaborazione con la Steinway & Sons attraverso la Ditta Alberto Napolitano di Piazza Carità in Napoli, al contributo della Cariparma e con il patrocinio dell’ Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.
Il titolo della serata evoca la festa di San Valentino, scavando le radici dell’ innamoramento che origina o si trasforma nella passione, qui estesa ad ogni ambito, verso l’amata, l’amico, la propria terra, l’arte stessa, grazie alla quale gli artisti in generale, e soprattutto i musicisti che ascolteremo, hanno trovato senso e ispirazione nei secoli alla loro creatività più profonda.
Da Beethoven a Chopin, da Berlioz a Verdi a Wagner per il tramite geniale di Liszt, Giovanni Bellucci ci condurrà verso territori pianistici di arduo virtuosismo, con il contrappunto storico e artistico di Claudio Strinati e Massimo Fargnoli, attraverso l’originale formula degli Incontri Recital, fin qui destinatari di notevoli consensi.

Costo del biglietto: 4 Euro a coppia
_____________________________________________

Giovanni Bellucci
Giovanni Bellucci è considerato uno dei più autorevoli pianisti del nostro tempo: il magazine francese Diapason lo include nella Top Ten dei virtuosi lisztiani della storia, accanto a Martha Argerich, Claudio Arrau, Gyorgy Cziffra, Krystian Zimerman.
Per la rivista britannica Gramophone, Bellucci “è un artista destinato a continuare la grande tradizione italiana, storicamente rappresentata da Busoni, Zecchi, Michelangeli, Ciani, Pollini”.
“Bellucci è una forza della natura scatenata, una forza enorme e palpitante”.
La recensione di Piero Rattalino dipinge il ritratto di un talento manifestatosi nel 1979, quando Giovanni, quattordicenne, scopre in circostanze casuali il pianoforte.
All’età di 16 anni esegue le 32 Sonate di Beethoven e debutta con orchestra interpretando il Totentanz di Liszt.
Diplomatosi con lode e menzione d’onore sotto la guida di Franco Medori presso il Conservatorio “S. Cecilia”, Bellucci ottiene in seguito il “Master” dell’Accademia Pianistica di Imola, avvalendosi degli insegnamenti del grande maestro russo Lazar Berman.
“Bellucci ci riporta all’età d’oro del pianoforte”.
Così il quotidiano Le Monde esalta la vittoria alla World Piano Masters Competition di Montecarlo 1996, ultima – cronologicamente -di una lunghissima serie di successi nei concorsi internazionali (dal “Regina Elisabetta” di Bruxelles al “Primavera di Praga”, dal “Casella” della RAI al “C. Kahn” di Parigi, dal “Busoni” al premio “Liszt”).
Stabilitosi a Parigi, intraprende un’intensissima attività concertistica, che lo vede solista con orchestre come la Los Angeles Philharmonic, la Dallas Symphony, la Sydney Symphony Orchestra, la BBC Philharmonic, la Philharmonique di Monte-Carlo, la Sinfonica dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, l’Orchestre National d’Ile de France, la Philharmonique de Liège, la “Sinfonia Varsovia”, l’Orchestra da Camera di Zurigo, la National Polish Radio Symphony Orchestra, l’Orchestra del Teatro Nazionale di Mannheim, la Czech Radio Symphony Orchestra di Praga, la Royal Flanders Philharmonic Orchestra di Anversa, l’Orchestra di Padova e del Veneto, ecc.
Invitato dai più celebri teatri di tradizione e festival (dall’Hollywood Bowl – cui deve il suo debutto americano di fronte a 18.000 spettatori – alla Herkulessaal di Monaco di Baviera, dal Teatro alla Scala, al Festival di Brescia e Bergamo, dalla Golden Hall del Musikverein di Vienna al Prague Spring Festival, dalla parigina Salle Pleyel o dal Théâtre du Châtelet allo Yokohama Festival in Giappone, dal Grande Auditorio Belém di Lisbona al Festival di Bath in Inghilterra, dal Piano Festival di Singapore alla Société Philharmonique di Bruxelles, dal Festival de La Roque d’Anthéron o dalla Folle Journée di Nantes al Festival di Lugano, dal Festival di Ravello a quello di Radio France a Montpellier, dal Teatro La Fenice di Venezia al Teatro Nazionale di Mannheim), Giovanni Bellucci ha ricevuto – dopo la sua prima trionfale tournée australiana – il premio “Recital of the year”, attribuito dal Sydney Morning Herald.
Nel 2010 ha, tra l’altro, debuttato al Théatre des Champs Elysées a Parigi, ha eseguito al Festival di Radio France l’integrale delle Rapsodie ungheresi di Liszt, e presentato ai festival di Nohant (Francia) ed Husum (Germania) la sua trascrizione per pianoforte solo del Concerto n. 1 op. 11 di Fryderyk Chopin.
Tutti i suoi Cd, editi da Decca, Warner Classics, Accord-Universal, Opus 106, Assai, Danacord, sono stati premiati dalle più diffuse riviste specializzate: “Choc” di Le Monde de la Musique in Francia, “Editor’s choice” della britannica Gramophone, 5 stelle di Musica, 5 stelle del BBC Music Magazine, “Cd exceptionnel” di Répertoire, “ffff” di Tèlérama, “Miglior Cd” per la rivista Suono, ecc.
La Universal ha appena presentato il Cd “Chopin Métamorphoses”, nel quale Giovanni Bellucci ha registrato alcuni brani in prima mondiale, come il Concerto n.1 di Chopin/Tausig e la Polacca op. 53 “Eroica” di Chopin/Busoni. Di prossima pubblicazione il Concerto op. 39 per pianoforte e orchestra di Ferruccio Busoni, inciso dal pianista italiano in collaborazione con l’Orchestra e il Coro del Teatro Nazionale di Mannheim, e l’integrale delle Rapsodie Ungheresi di Liszt, sempre per la Universal.

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.