Mercoledì 28 settembre secondo appuntamento con il progetto Debussy-Boulez per la rassegna “Il Nuovo L’Antico” di Bologna Festival

Mercoledì 28 settembre, ore 20.30, Oratorio San Filippo Neri, secondo appuntamento del progetto di musica contemporanea intitolato Debussy-Boulez, nell’ambito della rassegna Il Nuovo L’Antico di Bologna Festival.
Il pianista francese Romain Descharmes, che ha studiato con Pierre Boulez, alterna due lavori giovanili del suo maestro, Notations e la Première Sonate, con musiche di Debussy, Bartók e Chabrier.
Il programma, appositamente creato per questa occasione, mette a confronto le prime composizioni per pianoforte scritte da Pierre Boulez nel 1945 (Notations) e nel 1946 (Première Sonate) con il primo libro di Studi di Debussy, le Bagatelle op.6 di Bartók e Pièces pittoresques di Chabrier.

Costo del biglietto del concerto
Posto unico: Euro 15; giovani fino ai ventisei anni: euro 8

Informazioni
Bologna Festival
via Lame 58
40122 Bologna
tel.: 051 6493397
sito web: www.bolognafestival.it

Biglietteria
c/o Bologna Welcome (Piazza Maggiore 1/E) tel 051 231454
Tutti i giorni dalle 12 alle 19

Ufficio Stampa Bologna Festival
Paola Soffià
tel.: 051 6493397
cell.: 328 7076143
e-mail: stampa@bolognafestival.it
_________________________________________

Romain Descharmes
Diplomatosi al Conservatorio di Parigi – dove studia pianoforte, musica da camera e accompagnamento pianistico sotto la guida di Jacques Rouvier, Bruno Rigutto e Christian Ivaldi – nel 2006 Romain Descharmes vince il primo premio al Concorso pianistico internazionale di Dublino.
Fondamentali, per la sua formazione musicale, anche i consigli ricevuti da Pierre Boulez. Interprete versatile, capace di raffinate sottigliezze, svolge la sua attività come solista e come camerista, ospite dei maggiori centri del concertismo internazionale: dalla Carnegie Hall di New York alla Tsuda Hall di Tokyo, dalla Salle Pleyel di Parigi alla Wigmore Hall di Londra.
In Francia suona abitualmente nei festivals di La Roque d’Anthéron, Piano aux Jacobins, Nancyphonies, ai Rencontres Internationales Frédéric Chopin e al Festival Agora. Frequenti, le sue partecipazioni a trasmissioni radiofoniche e televisive per France Musique e per la giapponese NHK.
Il suo repertorio comprende i capisaldi del pianismo classico e romantico, dalle Sonate di Mozart e Beethoven alle Ballate di Chopin, Carnaval di Schumann o le Variazioni sopra un tema di Händel di Brahms.
Di pregio le sue interpretazioni di Gaspard de la nuit di Ravel e degli Studi di Debussy.
Suona abitualmente in duo con Roland Daugareil, Sarah Nemtanu, Henri Demarquette e Laurent Korica; con l’ensemble Court-Circuit e con il Berliner Philharmoniker Quintett.

Il Progetto (21 settembre – 27 ottobre)

Il progetto Debussy-Boulez si articola in 5 concerti e un ciclo di 4 conferenze intitolato Ai confini della terra fertile.
È il ritratto di un grande maestro del nostro tempo, posto a confronto con il suo ideale referente storico, Claude Debussy, autore particolarmente amato dal Boulez compositore e direttore.
Intorno ad alcune delle opere più significative di Boulez, tra cui Dérive 1 e Dérive 2, nei programmi dei concerti figurano anche quelle di autori vicini al suo pensiero musicale, quali Béla Bartók, Anton Webern e Olivier Messiaen.
Al concerto del pianista Jan Michiels, oggi tra i più accreditati interpreti dell’opera di Boulez, (21 settembre ore 20.30, Oratorio San Filippo Neri) seguiranno i concerti del pianista francese Romain Descharmes (28 settembre), della grande violinista Isabelle Faust (9 ottobre), dell’Überbrettl Ensemble con Pierpaolo Maurizzi (19 ottobre) e infine Divertimento Ensemble diretto da Andrea Pestalozza (27 ottobre).
Contestualmente, tra il 21 settembre e il 27 ottobre, si svolge il ciclo di conferenze Ai confini della terra fertile realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Musica e Spettacolo dell’Università di Bologna e il Cimes.
Quattro musicologi – tra cui uno dei maggior studiosi di Boulez, Robert Piencikowski – riflettono sul pensiero estetico e sull’attività compositiva di Boulez, infaticabile animatore dell’avanguardia musicale dal 1945 ad oggi.
Le conferenze sono tutte ad ingresso libero, sino ad esaurimento posti disponibili.
Si tengono, ad eccezione di quella del 21 settembre, al Dipartimento di Musica e Spettacolo, in via Barberia, alle ore 17.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.