Concerti nella Boemia Barocca

La raccolta “Boemia Barocca e oltre”, curata dalla casa discografica Alto e distribuita in Italia da Milano Dischi, è giunta recentemente al quinto volume.
Questa volta il cd è rivolto ad alcuni concerti per strumento solista ed orchestra, composti da musicisti la cui fama attuale risulta scarsa o addirittura nulla.
Si comincia con il Concerto per violino e orchestra in sol maggiore di Carl Ditters von Dittersdorf (1739-1799), che è annoverato fra i rappresentanti del cosiddetto classicismo viennese.
Virtuoso del violino e musicista prolifico, nonostante le numerose onorificenze ricevute, fra le quali un titolo nobiliare, negli ultimi anni versò in condizioni economiche disagiate, ospitato in Boemia dal suo amico Ignaz von Stillfried.
Secondo brano del disco, il Concerto per oboe ed orchestra in do maggiore di Johann Stamitz (1717-1757), sicuramente l’autore più famoso fra quelli proposti, in quanto protagonista della felice stagione legata alla cosiddetta “Scuola di Mannheim”, uno dei luoghi dove si sviluppò la sinfonia.
Praticamente sconosciuto, invece, Wenzel Kallick, clarinettista nell’orchestra del Principe-Arcivescovo di Olomuc, del quale ci sono giunti alcuni concerti per tale strumento, come quello in si bemolle maggiore presente in prima mondiale in questa antologia.
Inedito è anche il Concerto per corno e orchestra in si bemolle maggiore di Dominik Josef Škroup (1766-1830), proveniente da una famiglia di forti tradizioni musicali, che compose diverse messe e, ai suoi tempi era stimato anche come docente, direttore ed organista.
Inoltre, partecipò attivamente al movimento che aveva come scopo la creazione di un’opera nazionale ceca, ricoprendo, di volta in volta, i ruoli di direttore, cantante e traduttore.
La chiusura è invece affidata al Concerto in mi bemolle maggiore per tromba e orchestra di Johann Baptist Neruda (ca. 1707-1780), anche lui appartenente ad una famiglia di musicisti, per cui la sua biografia spesso si confonde con quella di altri parenti.
E’ comunque certo che scrisse alcune sinfonie, vari concerti per strumento solista e orchestra e anche pezzi sacri.
Per quanto riguarda gli interpreti, l’Orchestra Filarmonica da Camera Ceca, diretta da Petr Chromčák, si dimostra un complesso di grande solidità e ben affiatato, che supporta nel migliore dei modi gli ottimi solisti dei cinque concerti, nell’ordine Martin Kos (violino), Zdeněk Adam (oboe), Igor Fantišak (clarinetto), Eliška Adamová (corno), Karel Vencour (tromba).
In conclusione un cd che risulta utile per comprendere meglio l’apporto decisivo, nell’ambito dei concerti per strumento solista ed orchestra, fornito dagli autori attivi in Boemia nella stagione che precedette l’avvento del romanticismo, molti dei quali solo ora stanno ottenendo una giusta rivalutazione.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**
il Video Ufficiale dal CD
NEFELI di Susanna Canessa:

CALEB MEYER
watch on YouTube!Click here

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni Cd e Sacd e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.