Giovedì 14 e sabato 16 agosto al Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia” doppio appuntamento con Roland Muhr

Roland MuhrIl Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia” ha deciso che per Ferragosto vuol lasciare un’impronta decisiva di questa 13a edizione con una coppia di concerti che non può passare inosservata.
Doppio concerto per il grande Roland Muhr, che si esibirà il 14 agosto alla Chiesa dei Cancelli a Senigallia, e il 16 agosto all’antico organo, attribuito a don Antonio Fioretti, della chiesa di Santa Lucia ad Ostra Vetere.
Entrambi i concerti sono alle 21.15, con ingresso gratuito.
Sul Bazzani della Chiesa dei Cancelli, Roland Muhr ci incanterà con la musica Ottocentesca tutta italiana, ad Ostra Vetere si aprirà al repertorio organistico europeo.

Roland Muhr è uno dei maggiori organisti al mondo.
E’ nato a Kelheim, in Baviera. Ha ricevuto la sua prima formazione musicale in tenera età, nel Coro del Regensburger Domspatzen, i famosi “passerotti” del duomo di Ratisbona e poi all’Accademia Ecclesiastica di Ratisbona.
Ha poi continuato gli studi presso la Staatliche Hochschule für Musik di Monaco di Baviera, sotto la guida del grandissimo prof. Karl Richter, conseguendo il Diploma di massimo livello.
Dal 1969 ha intrapreso un’intensa attività musicale che conta oltre 900 concerti, che lo hanno portato ad esibirsi in tutta Europa e in America, effettuando anche registrazioni radiofoniche in Brasile, Spagna, Svizzera, Svezia e televisive in Australia, Austria, Germana, Italia e Polonia.
In Italia ha tenuto oltre 100 concerti, tra i quali si segnalano quelli nelle città di Ancona, Bologna, Lecce, Lecco, Milano, Modena, Palermo, Perugia, Ragusa, Rapallo, Varese e Verona.
Ricopre l’incarico di Organista titolare presso l’importante Abbazia di Fürstenfeldbruck, vicino a Monaco di Baviera ed è direttore della “Orgelakademie für süddeutsche Barockmusik” e consulente della commissione per la conservazione e la costruzione degli organi della Germania Meridionale.
E’ inoltre direttore dei “Solisti Radiofonici di Baviera” e dei “Solisti di Baviera”.
Ha composto musica per organo, coro e per varie formazioni da camera.
Le sue incisioni discografiche per le etichette Motette, Calig, Teldec, Weltbild, con musiche di diversi autori ed epoche, sono molto numerose e apprezzate.

Se nello spot televisivo, di cui è protagonista Neri Marcorè, le Marche non ti lasciano mai solo, Il Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia” non lascia certo soli gli appassionati di musica per Ferragosto, segnalando anche la presenza del celebre organista sulla Spiaggia di Velluto il 15 agosto.

(Comunicato a cura dell’Ufficio Stampa del Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia”)

Informazioni
info@organsenigallia.com
www.organsenigallia.com

Ufficio Stampa
stampa@organsenigallia.com

________________________________________

Giovedì 14 Agosto, ore 21.15 – Chiesa Cancelli Senigallia
Roland Muhr, organo

Programma

Giuseppe Gherardeschi (1759 – 18249)
Sonata per organo a guisa di banda militare che suona una Marcia
Sonata per l’Elevazione

Niccolò Moretti (1763-1821)
Sonata in do minore
Rondò in do maggiore
Sonata in do maggiore

Padre Davide da Bergamo (1791-1863)
Elevazione in re minore
Suonatina in do maggiore

Giuseppe Quirici (1824-1896)
Sonata per l’Offertorio
Elevazione
Sonata per la Consumazione
Polka marziale dopo la Messa

Sabato 16 Agosto, ore 21.15 – Chiesa Santa Lucia, Ostra Vetere
Roland Muhr, organo

Programma

Henry Purcell: Suite royal March -Corant – Minuet – Air – Tune (trascrizione di Roland Muhr)

Johann Pachelbel: Partita su “Werde munter, mein Gemüte” (corale con 4 variazioni)

Franz A. Maichelbeck: Sonata quarta

Joseph Haydn: 3 Flötenuhrstücke, 1772

Franz Xaver Schnizer: Sonata in fa maggiore

Theodor Grünberger: Kyrie – Sanctus – Elevazione (dalla Missa n. 4 in sol maggiore)

Guillaume Lasceux: Marche in fa maggiore

________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

More than $1 million raised at Speight Jenkins Celebration Concert and Dinner

Speight Jenkins CelebrationSeattle—With some of the greatest voices in opera gathering together for one night only in a red-carpet affair, Seattle Opera’s Speight Celebration Concert and Dinner thrilled more than 2,500 fans at McCaw Hall and raised more than $1 million on Saturday, August 9.

Proceeds came from ticket sales, dinner sponsorships and donations made in honor of Speight Jenkins, who retires this month after 31 years as General Director of Seattle Opera.
The company’s 2014/15 season is officially dedicated in Jenkins’ honor.

“Saturday, August 9, 2014, was the greatest night of my life, and I am more than grateful to everyone involved,” said Jenkins. “But really this celebration is not about one person—it’s about all of us, and the love that connects us. What success we’ve had at Seattle Opera can be attributed to the love we all share for this glorious art form—the love it demands, and the love it inspires. I love you all. Hojotoho!”

The evening was co-chaired by Lyn and Jerry Grinstein and Laurel and John Nesholm.
Delta Air Lines was the Official Airline of the Speight Celebration.
The 15 artists in the production donated their fees in honor of Jenkins.
Senator Maria Cantwell; King County Executive Dow Constantine; President & CEO of OPERA America Marc Scorca; Director of Seattle Center, Robert Nellams; and General Directors: David Gockley of San Francisco Opera, Wayne Brown of Michigan Opera Theatre, Tomer Zvulun of The Atlanta Opera and Christopher Mattaliano of Portland Opera were in attendance, along with other special guests.
The Speight Celebration was also a time to reflect on the company’s other accomplishments, including its world-renowned Ring cycle and its 50th anniversary. Seattle Opera’s new recording (of the 2013 Ring) and its new commemorative book—a large-format stunner called 50 Years of Seattle Opera—were available for sale at the McCaw Hall gift shop.
The book, written by former Seattle Times music critic Melinda Bargreen, includes dozens of rare photographs and tells the true story of a small regional group that grew into an opera company that has achieved the highest per capita attendance in the United States.

From the very beginning of the evening, Seattle Opera took the festivities up to the highest notch; as guests arrived at McCaw Hall, they were greeted by a red carpet and a photographer.
With designers such as Lanvin, Prada, Jimmy Choo, Chanel, and local Seattle designer Luly Yang represented on the runway, gone was the typical “Seattle casual” as numerous attendees dressed to the nines to honor the departing arts leader.
Also on the glamorous entryway was a tent, specially created for the event, with an artistic floral masterpiece designed by Richard Hartlage (Garden Architect at the Chihuly Garden & Glass) of Land Morphology.
Hartlage’s creation, a 1,200-foot sisal strand, was woven through floral chandeliers suspended from the ceiling. Floral décor and centerpieces were provided by Kendra Yaple of Loves Me Flowers.
All guests who walked through the door had the chance to speak with and mingle with Jenkins at the top of the staircase prior to the show, and during the public intermission reception, catered by SAVOR and featuring sparkling wine from Chateau Ste. Michelle.
Dinner sponsors and ticket buyers were also treated to private receptions in the Allen and Norcliffe Rooms in McCaw Hall.
For the concert itself, an international dream team of Seattle Opera’s favorite artists gave their utmost to honor the General Director who has meant so much to them.
Emcee and mezzo-soprano Joyce Castle gave a hilarious roast of Jenkins, and co-conductors Sebastian Lang-Lessing and Carlo Montanaro led members of the Seattle Symphony and the soloists in such extraordinary musical highlights as William Burden and Brett Polegato singing the Pearl Fishers duet; Peter Rose singing the death scene of Boris Godunov; Mary Elizabeth Williams singing “My Man’s Gone Now” from Porgy and Bess; Kate Lindsey singing the conclusion to La Cenerentola; scenes from Verdi’s Otello with Antonello Palombi, Gordon Hawkins, and Nuccia Focile; Seattle favorite Arthur Woodley singing “Vi ravviso” from La sonnambula; and Stephanie Blythe joined by the male chorus in a comic piece from La Grande Duchesse de Gérolstein.
Blythe and Greer Grimsley also sang a duet from Samson et Dalila.
Tenor Issachah Savage, winner of the 2014 International Wagner Competition, also performed at Jenkins’ special request.
The program featured music from all three acts of Wagner’s beloved Die Walküre: Christiane Libor and Clifton Forbis sang the end of Act One, Grimsley and Alwyn Mellor the beginning of Act Two, and Grimsley concluded the solo performances with Wotan’s Farewell from Act Three.
All the soloists, plus the Seattle Opera Chorus, joined their voices to salute Jenkins with a thrilling “Wach’ auf!” from Die Meistersinger von Nürnberg.
The concert was given, with supertitles, performed on Robert Dahlstrom’s set for Seattle Opera’s Ariadne auf Naxos, with beautiful lighting by Connie Yun setting the mood for each piece.
Tributes to Mr. Jenkins were made by Greer Grimsley, Stephanie Blythe, and Stephen Wadsworth, all recognizing his role in launching their careers to the international stage.
After the performance, Jenkins came up on stage to take a bow and personally say thank you to the artists, orchestra, chorus, staff, and his beloved Seattle audience.
He was met with cheers, applause—even some celebratory stomping from the artists on stage.
Finally, Jenkins recognized his successor Aidan Lang and assured audiences that they would be in good hands
The evening concluded with an elegant hors d’oeuvres and champagne reception in the Kreielsheimer Promenade Lobby, followed by a gourmet dinner held beneath the tent on the Kreielsheimer Promenade with wines by Novelty Hill – Januik.
Chef Kaspar Donier, of Kaspars Special Events & Catering, catered a one-of-a-kind menu specifically for the event, with a nod to the Pacific Northwest, and featuring the region’s summer bounty.

Speight Celebration Concert & Dinner
Speight Celebration Co-chairs: Lyn and Jerry Grinstein and Laurel and John Nesholm

Angel Sponsors

Lyn and Jerry Grinstein
Lenore M. Hanauer
Brian Marks and Carol Maione
Bruce and Jolene McCaw Family Foundation
Nesholm Family Foundation
Drs. William and Gail Weyerhaeuser
Ann P. Wyckoff
Gold Sponsor
Maryanne Tagney and David Jones
Silver Sponsor
Delta Air Lines
Bill and Sally Neukom
Jay and Susanne Wakefield

Corporate Partners:
The Boeing Company
Microsoft

Delta Air Lines is the Official Airline of the Speight Celebration Concert and Dinner

The 2014/15 Season is in honor of Speight Jenkins.

For tickets and information, call 800-426-1619 or 206-389-7676 or visit http://www.seattleopera.org.

About Seattle Opera

Founded in 1963, Seattle Opera is one of the leading opera companies in the United States.
The company is recognized internationally for its theatrically compelling and musically accomplished performances, especially the Opera’s interpretations of the works of Richard Wagner.
Since 1975, Seattle Opera has presented 41 cycles of the Ring (three different productions), in addition to acclaimed productions of all the other major operas in the Wagner canon.
Seattle Opera has achieved the highest per capita attendance of any major opera company in the United States, and draws operagoers from four continents and 50 states.

_______________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Dal mondo della musica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Al via la VII edizione del Laboratorio di Musica Barocca dei Conservatori del Veneto a Villa Contarini

Villa Contarini - Piazzola sul Brenta

Villa Contarini – Piazzola sul Brenta (PD)

Prende il via mercoledì 17 settembre 2014, presso i Conservatori di Venezia e Padova, il Laboratorio di Musica Barocca dei Conservatori del Veneto, seminario di studio di ampliamento delle attività didattiche dei corsi ordinamentali ed accademici di musica antica, che costituisce il polo veneto d’eccellenza internazionale per lo studio e l’esecuzione del repertorio del Seicento-Settecento.

Giunto alla VII edizione, il Laboratorio di Musica Barocca, organizzato dal Consorzio tra i Conservatori del Veneto, con il contributo dalla Regione Veneto e il patrocinio della Fondazione “G. E. Ghirardi”, è dedicato quest’anno alla musica scritta per la Cappella Marciana.
Il programma del Laboratorio, infatti, sarà costituito, dagli inediti Vespri per San Pietro Orseolo Doge di Venezia di autori della Scuola Marciana, con orchestrazione di Baldassarre Galuppi, secondo lo studio e l’edizione del manoscritto del M. Franco Rossi e da Quattro concerti per strumenti solisti e orchestra di Antonio Vivaldi: per due oboi, per due corni, per liuto e per 4 violini.

Il Laboratorio di Musica Barocca, che mira al coinvolgimento dei sette Conservatori del Veneto e di importanti istituti musicali europei di pari grado, si articolerà in due fasi: una prima fase, dal 17 al 19 settembre 2014, e una seconda dal 22 al 27 settembre 2014.

La prima fase sarà aperta e gratuita per gli studenti iscritti e sarà costituita da laboratori e seminari di studio preparatori, integrati da lezioni e conferenze che si svolgeranno presso il Conservatorio di Padova e di Venezia.
Gli allievi iscritti ai seminari saranno preparati, nella disciplina scelta, da un gruppo di docenti di fama internazionale, affermati nell’ambito della musica Barocca: il contralto Sara Mingardo, i soprani Lia Serafini e Cristina Miatello, il mezzosoprano Romina Basso ed il tenore Vincenzo Di Donato per il laboratorio vocale per coristi e solisti (Conservatorio di Venezia, 17-18-19 settembre 2014, ore 10.00-13.00 e 14.00-17.00); gli oboisti Paolo Faldi e Stefano Vezzani, il cornista Dileno Baldi, i violinisti Davide Amodio ed Enrico Parizzi, il gambista Alberto Rasi per il laboratorio d’orchestra (Conservatorio di Padova, 17-18-19 settembre 2014, ore 10.00-13.00 e 14.00-17.00); Tiziano Bagnati e Miranda Aureli (basso continuo), Franco Rossi (musicologo) per il laboratorio di basso continuo (Conservatorio di Venezia, 17-18-19 settembre 2014, ore 10.00-13.00 e 14.00-17.00).

La seconda fase del Laboratorio, dal 22 al 27 settembre 2014, offrirà l’opportunità agli allievi selezionati al termine del corso di preparazione (54 studenti effettivi) di partecipare alla concertazione e alle esecuzioni pubbliche presso la Villa Contarini di Piazzola sul Brenta (Padova), a Modena, nell’ambito del Festival “Grandezze e Meraviglie”, e presso la Basilica di S. Marco a Venezia.

Il Laboratorio di musica barocca è un’esperienza formativa di primissimo piano per tutti gli allievi dei Conservatori del Veneto che avranno occasione di perfezionarsi con grandi maestri del panorama internazionale.
Nelle scorse edizioni sono stati invitati illustri maestri concertatori, l’eccellenza mondiale nel settore: Ton Koopman (2007), Christopher Hogwood (2008), Roy Goodman (2009-2010) e Alfredo Bernardini (2011-2012).
Quest’anno la concertazione sarà affidata a Francesco Erle, docente del Conservatorio di Venezia, compositore e direttore con un’intensa attività concertistica, che lo vede impegnato principalmente alla guida del suo ensemble, la Schola San Rocco.
Il laboratorio prevede che le esecuzioni siano affidate prevalentemente a studenti di tutti i Conservatori, eventualmente affiancati dai rispettivi insegnanti e da studenti provenienti da altri paesi e istituzioni, interessati a partecipare a un’iniziativa che trova nella musica un modo straordinariamente vivo di crescere assieme.

Il Consorzio dei Conservatori del Veneto (CCVEN), esperienza unica in Italia, permette la realizzazione di iniziative formative e artistiche di livello internazionale, mettendo insieme le competenze delle sette istituzioni di alta formazione artistico culturale operanti in regione.
“Oltre all’ORCV (Orchestra regionale dei Conservatori del Veneto), spiega Maria Nevilla Massaro, direttore del Conservatorio di Padova e attuale Presidente del Consorzio dei Conservatori del Veneto, “il consorzio si pone l’obiettivo di valorizzare, attraverso varie iniziative, il patrimonio culturale e storico veneto”.

Per informazioni:
http://ccven.org/
segreteria@ccven.org

Ufficio Stampa Studio Pierrepi
Alessandra Canella
Via delle Belle Parti 17
35139 Padova
canella@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

_______________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Dal mondo della musica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 13 agosto concerto all’Eremo di Santa Maria della Valle

Locandina Chiusano San DomenicoLa Nuova Pro Loco “Carlo Nazzaro” di Chiusano San Domenico (AV) propone il consueto appuntamento agostano con la musica classica nel suggestivo Eremo di Santa Maria della Valle (sec. XII), fondato da San Guglielmo da Vercelli, patrono dell’Irpinia. A pochi metri dalla Fontana Vecchia, il 13 agosto 2014, alle ore 21.00, nel romitorio guglielmino, concerto del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, accompagnati al pianoforte da Stefania Cucciniello.

Prima della rappresentazione musicale, la dott.ssa Patrizia Cataldo, laureata in conservazione dei beni culturali, fornirà al pubblico presente dettagliate informazioni circa il patrimonio storico dell’Eremo di Santa Maria della Valle e del luogo sul quale è stato edificato.

Per soddisfare anche le esigenze del palato vi sarà la degustazione di deliziose leccornie elaborate dal Ristorante L’Arco di Giano (Via Arco, 16 – Chiusano di San Domenico).

Per info: 3397412628
prolocochiusano@alice.it
Il Presidente Maurizio Membrino

Programma

1) Prisco: Agnus Dei
2) Anonimo: Tota Pulchra
3) Mascagni: Ave Maria
4) Caccini: Ave Maria
5) Franck: Panis Angelicus
6) De Curtis: Non ti scordar di me
7) Lehár: Tace il labbro
8) Donizetti: Una furtiva lagrima
9) Puccini: O mio babbino caro
10) Tosti: ‘A vucchella
11) De Curtis: Torna a Surriento
12) Cardillo: Core ‘ngrato
13) Di Giacomo-Buongiovanni: Palomma ‘e notte
14) Capurro-Di Capua: ‘O sole mio
_______________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su: ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Il pianista Nicola Ormando interpreta Bach, Clementi, Liszt e Prokofiev

Copertina cd Nicola OrmandoNativo di Montesano sulla Marcellana (SA), Nicola Ormando rappresenta una figura molto particolare del panorama musicale italiano, in quanto abbina la sua attività di apprezzato ingegnere elettronico a quella di pianista di ottimo livello.
Vincitore di numerosi premi nazionali ed internazionali, l’artista fa ora il suo esordio in ambito discografico con un cd autoprodotto dove propone, in ordine cronologico, i brani di quattro autori (Bach, Clementi, Liszt e Prokofiev), che hanno fornito il loro notevole apporto alla musica per tastiera.
Il cd si apre con la Fantasia cromatica e Fuga in re minore BWV 903, scritta nel 1720 da Johann Sebastian Bach (1685-1750), durante la sua permanenza a Köthen, alla corte del principe Leopoldo, e poi ampliata circa dieci anni dopo, quando il compositore si era stabilito già da tempo a Lipsia.
La natura fortemente virtuosistica del brano indica che fu sicuramente pensato per essere eseguito davanti ad un vasto pubblico, allo scopo di indurre meraviglia nell’ascoltatore ed evidenziare nel contempo l’abilità del solista.
Con la successiva Sonata in si minore, op. 40 n. 2, entriamo nel mondo di Muzio Clementi (1752-1832), personalità unica nella storia della musica, considerando che riassunse, sotto un unico profilo, il solista, il compositore, il direttore d’orchestra, il docente, l’editore ed anche il costruttore e venditore di strumenti a tastiera contribuendo, in tale veste, alla definitiva diffusione del pianoforte in tutta Europa.
L’attività imprenditoriale prese il sopravvento sulle altre, finendo per offuscare anche quella di autore, per cui buona parte della musica di Clementi, spesso caratterizzata da brani di notevole pregio, risulta poco nota e scarsamente eseguita.
In particolare la Sonata in si minore faceva parte di un trittico, pubblicato a Londra nel 1802, dove aveva sede la casa editrice di Clementi in quanto l’autore, benché nato a Roma, visse prevalentemente in Gran Bretagna.
Terzo brano in programma, il Mephisto-valzer n. 1 S 514, tratto dalla produzione di Franz Liszt (1811-1886), che attinse dal “Faust” del connazionale Nikolaus Lenau e non da quello più noto scritto da Goethe.
La versione pianistica, dedicata al suo giovane alunno Tausig, venne preceduta da quella orchestrale, ed entrambe si componevano originariamente di due episodi, “Processione notturna” e “Danza nella locanda del villaggio”, tratti da altrettanti capitoli del poema di Lenau.
Per ragioni editoriali, furono però stampati separatamente e conobbero una sorte diametralmente opposta poiché il primo cadde nell’oblio più totale, mentre al secondo arrise una notorietà che dura tuttora.
Il cd si chiude con la Sonata n.7 in si bemolle maggiore, op. 83 “Stalingrado” di Sergej Prokofiev (1891-1953) che, insieme alla n. 6 in la maggiore op. 82 e alla n. 8 in si bemolle maggiore op. 84, è compresa nelle cosiddette “Sonate di guerra”, appellativo legato al fatto che furono iniziate tutte nel 1939, in coincidenza con lo scoppio della seconda guerra mondiale.
All’epoca, il regime sovietico pensò di allontanare da Mosca molti intellettuali e artisti russi, tra cui Prokofiev, e trasferirli nel Caucaso.
La lunga peregrinazione del compositore toccò poi Tbilisi, Alma-Ata, Molotov, concludendosi solo nell’ottobre del 1943, con il definitivo ritorno a Mosca.
La Sonata n. 7 fu completata nel 1942 e l’anno dopo esordì a Mosca, interpretata da Sviatoslav Richter, aggiudicandosi anche il Premio Stalin e accrescendo così la fama di un brano che riassume lo stile dell’autore russo, da una parte tendente alla modernità (l’ultimo movimento, terribile banco di prova per qualsiasi pianista, è chiaramente ispirato ai ritmi jazz) e dall’altra ancora strettamente legato a temi post-romantici.
Venendo all’interpretazione di Nicola Ormando, le quattro composizioni eseguite risultano rappresentative del suo pensiero artistico (e non solo), in quanto affrontano una visione simmetrica della musica, grazie a Bach, la ricerca di strade nuove e poco battute con Clementi, ed il virtuosismo mai fine a sé stesso, insito nei due pezzi di Liszt e Prokofiev, il tutto abbinato ad una elevata tecnica e ad un suono nitido, preciso e raffinato.
Il cd si completa con un ottimo libretto di accompagnamento ricco di immagini ed esaustivo dal punto di vista musicologico nonché contraddistinto da caratteri ben leggibili (il che non guasta).
In conclusione un ottimo disco d’esordio, sicuramente fonte di grande soddisfazione per il maestro Ormando, che ci auguriamo abbia la diffusione che merita.

Pubblicato in Recensioni cd | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Domenica 10 agosto “Sorrento Classica” chiude con il Quartetto Kodály e la flautista Ginevra Petrucci

Manifesto Sorrento Classica 2014Ultimo appuntamento per la rassegna Sorrento Classica, giunta alla VII edizione, che anche quest’anno si tiene all’interno del suggestivo Chiostro di S. Francesco a Sorrento.
Il Festival organizzato dalla S.C.S. Società dei Concerti di Sorrento, in collaborazione con il Comune e il sostegno della Regione Campania, Ministero dei Beni Attività Culturali e Turismo e di aziende turistiche locali, si avvale della direzione artistica del maestro Paolo Scibilia.
Domenica 10 agosto la rassegna ospiterà, per il gran finale, il concerto che doveva tenersi lo scorso 5 agosto, avente come protagonisti tre dei quattro componenti del prestigioso Quartetto Kodály (Attila Falvay, violino; János Fejérvári, viola e György Éder, violoncello) e la giovane flautista di fama internazionale Ginevra Petrucci.
Il programma si intitola Viaggio nel Quartetto tra Napoli, Venezia, Parigi, Vienna e Budapest e prevede l’ascolto di musiche di Vivaldi, Cimarosa, Dohnányi, Jean-Baptiste Quentin “le Jeune”, Mozart

Inizio concerto, ore 21.15.
Ingresso a pagamento fino ad esaurimento posti a sedere
Biglietteria all’ingresso chiostro S. Francesco prima del concerto, dalle ore 20.30.
Orario, luogo e programma potrebbero subire variazioni in caso di forza maggiore.
In caso di maltempo i concerti si terranno presso l’ Azienda di Soggiorno e Turismo

Costo del biglietto:
Intero: 15 Euro
Ridotto: 10 Euro
Il ricavato della biglietteria sarà devoluto per beneficenza

I possessori del biglietto d’ingresso hanno diritto allo sconto del 10% presso i ristoranti aderenti.

Info
Azienda Autonoma Turismo Sorrento – S. Agnello
Tel. (+39) 081.8074033
www.sorrentotourism.com
www.societaconcertisorrento.it

_______________________________________

Programma

Viaggio nel Quartetto tra Napoli, Venezia, Parigi, Vienna e Budapest

Attila Falvay, violino
János Fejérvári, viola
György Éder, violoncello
(componenti del Quartetto Kodály)
Ginevra Petrucci, flauto (partecipazione straordinaria)

Antonio Vivaldi (1678-1741): Concerto “Il Gran Mogol” in re minore, RV 431

Domenico Cimarosa (1749-1801): Quartetto in la minore

Ernő Dohnányi (1877-1960): Serenade in do maggiore op.10 per trio d’archi

Jean-Baptiste Quentin “le Jeune” (1718-1750): Sonata in mi minore op.X n.3

W.A. Mozart (1756-1791): Quartetto in re maggiore KV 285

Quartetto Kodály
Quartetto KodalyIl Quartetto Kodály è stato fondato nel 1966 da quattro studenti dell’Accademia Franz Liszt di Budapest come continuazione della grande tradizione ungherese di quartetto d’archi.
Nel 1968 l’ensemble – chiamato allora “Sebestyén Quartet”, (dal nome del primo violino del nuovo quartetto) – vinse il primo premio al Concorso Internazionale per Quartetto d’archi Leo Weiner di Budapest.
Nel 1971 il Quartetto, avendo raggiunto una reputazione internazionale, cambiò il suo nome in Quartetto Kodály, in onore dell’eccezionale compositore ungherese del ventesimo secolo.
Il Quartetto si pone come obiettivo principale l’interpretazione autentica delle opere di Zoltán Kodály, e dà grande importanza ai valori e alle tradizioni che Kodály concepì come essenziali della cultura musicale.
Unitamente a ciò, il Quartetto Kodály esegue le opere di tutti i maggiori compositori ungheresi (Bartók, Dohnanyi, Kurtág, Ligeti) cosí come gran parte dei compositori classici.
Il Quartetto ha anche interpretato numerose prime mondiali di brani di compositori ungheresi contemporanei, che spesso hanno dedicato al quartetto Kodály le loro composizioni.
I membri del Quartetto Kodály hanno studiato con artisti prestigiosi, tra cui il primo violino del Quartetto d’Archi Ungherese, Zoltan Szekely.
La proficua collaborazione con Szekely ha influenzato gli obiettivi artistici del Quartetto Kodály.
Questo è un ulteriore segno che uno degli obiettivi fondamentali del Quartetto Kodály è quello di mantenere i più alti valori della tradizione musicale ungherese e gli standard dei famosi quartetti ungheresi del ventesimo secolo.
Il Quartetto Kodály si esibisce regolarmente negli Stati Uniti , in Canada, in Messico e Sud America, in quasi tutti i paesi europei, nell’Estremo Oriente , compresa la Cina, Hong Kong, Corea e Giappone, oltre che in Australia e Nuova Zelanda.
Il Quartetto ha suonato con molti grandi musicisti: Bruno Canino, Milan Turkovic, Miklós Perényi, Zoltán Kocsis, Michel Portal, Dimitry Ashkenazy, Michel Béroff, Jeremy Menuhin, Tamás Vásáry, Jenõ Jando e Dimitris Sgouros.
Il Quartetto ha partecipato a numerosi festival in tutto il mondo.
Per citare solo i più importanti: Bath, Aldborough, Oaxaca, Estoril, Praga, Bagdad, Guanajuato, Lubiana, Istanbul, Atene, il Festival di Musica Korsholm in Svezia, il Musica Mundi Festival in Belgio, il Carinthia Summer Festival, il Festival Bruckner in Austria, il Festival Luberon in Provenza, il Festival George Enescu di Bucarest, e il Budapest Spring Festival di Budapest.
Il Quartetto Kodály ha registrato circa 60 CD: tra questi figurano gli integrali dei quartetti di Haydn, Beethoven e Schubert.
Nel 1994 la rivista inglese CD Classics ha assegnato al Quartetto il primo premio nella categoria Musica da Camera per la registrazione dell’Opera 64 di Haydn.
Nel 2007, la BBC ha nominato la registrazione degli Ottetti di Mendelssohn e Bruch per il Premio “Miglior registrazione di Musica da Camera dell’Anno”.
Nel 1990 il governo ungherese ha assegnato il Premio per Artisti Eccezionali al Quartetto Kodály, che nel 1996 ha ricevuto anche il Premio Bartók – Pásztory.

Ginevra Petrucci
Ginevra PetrucciDescritta dalla stampa italiana come “uno dei più interessanti talenti della nuova generazione” in occasione del suo debutto romano con I Musici, e lodata dalla rivista americana The Flutist Quarterly per il suo “bel fraseggio, brillante virtuosismo e legato degno di un grande cantante”, Ginevra Petrucci svolge da anni una dinamica attività concertistica internazionale, che l’ha portata ad esibirsi in prestigiose sale da concerto in Europa (Sala Accademica di Santa Cecilia di Roma; Villa Medici, Roma; Teatro La Fenice, Venezia; Sala Maffeiana, Verona; Villa Pignatelli, Napoli; Salle Cortot, Parigi; Accademia Liszt, Budapest; Accademia Chopin, Varsavia), America (Carnegie Hall), Giappone (Shinjuku Bunka Center, Keyaki Hall), Brasile, Israele, Turchia, Nord e Sud Africa, collaborando con artisti di fama internazionale, tra cui il pianista Bruno Canino, con cui ha un duo stabile, l’arpista Emmanuel Ceysson, il clavicembalista Jory Vinikour.
Attiva camerista, collabora con numerosi ensemble, tra cui I Virtuosi Italiani, I Musici di Roma e il Quartetto Kodály.
Tra le sue registrazioni figurano i quattro Concerti per Flauto di Giulio Briccialdi con I Virtuosi Italiani (prima registrazione mondiale, Bongiovanni 2009), i tre Quintetti per flauto e archi di Friedrich Kuhlau con il Quartetto Kodály (Brilliant Classics 2013) e la silloge completa dei Duetti per due flauti di Joseph Haydn (Brilliant Classics 2014).
Un disco in duo con Bruno Canino è in uscita nel 2014.
In qualità di primo flauto della Yale Philharmonia Orchestra, del Yale Baroque Ensemble e della Chamber Orchestra of New York, ha suonato sotto la direzione di numerosi direttori di fama internazionale in molte delle più prestigiose sale concertistiche della costa orientale americana.
È membro fondatore della Delphi Chamber Orchestra e del gruppo da camera Cantata Profana, entrambi basati negli Stati Uniti.
È stata professore ospite e ha presentato masterclass e conferenze presso l’Accademia Flatus (Sion, Svizzera), l’Académie Musicale de Villecroze (Francia) e l’Accademia Musicale Sherazade (Roma), e tiene corsi di alto perfezionamento presso l’Accademia Angelica Costantiniana di Roma e la European Culture and Performing Arts Association di Tokyo.
Convinta e attiva promotrice della musica moderna e contemporanea, ha collaborato con compositori quali Kaija Saariaho, Steve Reich, George Crumb, Betsy Jolas e Jean-Michel Damase e con numerosi compositori della sua generazione, sia negli Stati Uniti che in Italia, dove collabora con l’associazione Nuova Consonanza e con la Biennale di Venezia.
Nata a Roma nel 1989, ha compiuto i suoi studi presso il Conservatorio ‘Santa Cecilia’ di Roma sotto la guida del padre, per continuarli all’École Normale ‘Alfred Cortot’ di Parigi e presso la Yale University, dove ha ottenuto un Master of Music e un Artist Diploma.
Nel 2012 è stata insignita del prestigioso Thomas Daniel Nyfenger Prize per il più alto standard di eccellenza del Dipartimento di strumenti a fiato della Yale University.
È Presidente dell’Associazione Musicale Leonardo De Lorenzo.
_______________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 9 agosto il chitarrista Edoardo Catemario ospite di “Sorrento Classica”

Manifesto Sorrento Classica 2014Penultimo appuntamento per la rassegna Sorrento Classica, giunta alla VII edizione, che anche quest’anno si tiene all’interno del suggestivo Chiostro di S. Francesco a Sorrento.
Il Festival organizzato dalla S.C.S. Società dei Concerti di Sorrento, in collaborazione con il Comune e il sostegno della Regione Campania, Ministero dei Beni Attività Culturali e Turismo e di aziende turistiche locali, si avvale della direzione artistica del maestro Paolo Scibilia.
Sabato 9 agosto, la rassegna ospiterà il chitarrista di fama internazionale Edoardo Catemario.
Il programma si intitola Viaggio fra Italia e Spagna e prevede l’ascolto di musiche di Sor, Albéniz, Carulli, de Rogatis, Amato

Inizio concerto, ore 21.15.
Ingresso a pagamento fino ad esaurimento posti a sedere
Biglietteria all’ingresso chiostro S. Francesco prima del concerto, dalle ore 20.30.
Orario, luogo e programma potrebbero subire variazioni in caso di forza maggiore.
In caso di maltempo i concerti si terranno presso l’ Azienda di Soggiorno e Turismo

Costo del biglietto:
Intero: 15 Euro
Ridotto: 10 Euro
Il ricavato della biglietteria sarà devoluto per beneficenza

I possessori del biglietto d’ingresso hanno diritto allo sconto del 10% presso i ristoranti aderenti.

Info
Azienda Autonoma Turismo Sorrento – S. Agnello
Tel. (+39) 081.8074033
www.sorrentotourism.com
www.societaconcertisorrento.it

_______________________________________

Programma

Edoardo Catemario, chitarra
Premio “Andres Segovia” 1991 – Decca Artist
Viaggio tra Italia e Spagna

Fernando Sor
4 etudes (op.35 n. 2, op. 6 n.11, op.6 n. 8, op. 29 n. 17)
Introduction and variations op. 9

Isaac Albéniz
Capricho catalan
Torre Bermeja
Sevilla

Ferdinando Carulli: Sonata op. 21 n. 1

Teresa de Rogatis: Sonatina

Enzo Amato: Trittico napoletano

Edoardo Catemario
Edoardo CatemarioChitarrista e pedagogo di fama internazionale.
Napoletano d’origine, ha studiato con Salvatore Canino, Antimo Pedata, José Tomás, Stefano Aruta e Maria Luisa Anido, pianoforte e analisi con Titina De Fazio ed interpretazione con Leo Brouwer e Oscar Casares.
Il suo repertorio va dal barocco al romantico (suonato su strumenti originali), al novecento storico alla musica contemporanea e d’avanguardia.
Ha vinto il primo premio dei concorsi Andres Segovia di Almuñecar (Granada) nel 1991 e di Alessandria nel 1992.
Ha dato concerti in tutto il mondo, nelle più importati sale (Grosser Saal del Wiener Musikverein di Vienna, Sala Grande della Filarmonia di San Pietroburgo, Auditorio Nacional e Teatro Real di Madrid, Teatro Coliseo di Buenos Aires, Weill Hall at Carnegie Hall di New York), Auer Hall di Bloomington, Sidney Meyr Bowl e Town Hall di Melbourne, Royal Academy of London, Citè de la Musique di Parigi, MusikHalle di Amburgo), collaborando con gran interpreti (Vega String Quartet, Silesian String Quartet, Franco Mezzena, Alain Meunier, Massimo Quarta, Roberto Fabbriciani, Antonello Farulli, Mario Ancillotti, Sylvie Gazeau, Gabriele Cassone,Vittorio e Duccio Ceccanti, Nicoletta Curiel, Vincent Aguettant, Oscar Casares), direttori (Martin Haselboek, Michael Helmrat, Inma Shara, Marzio Conti, Ottavio Dantone, Enrique Batiz, Nicola Paszkowski) e orchestre (Wiener Akademie, Orquesta Sinfonica de Andorra, Orchestra di Sanremo, Accademia Bizantina, Orchestra della Toscana, Orchestra di Stato del Messico, Orchestra Filarmonica Italiana, Solisti di Fiesole).
Come didatta ha tenuto masterclasses al Sommer Akademie Mozarteum di Salisburgo, Musik Hochschule Lipsia e alla Royal Academy di Londra, Bloomington University, Cincinnati Brooklin College, come titolare della cattedra di perfezionamento ed interpretazione al “Conservatoire International de Paris” (1995 – 2001).
Ha registrato undici cd per DECCA e ARTS Music che hanno ottenuto premi della critica (Joker di Crescendo, CD Classica, 5 Stelle Musica).
Sue registrazioni sono state allegate al BBC Music Magazine e, come copertina, alla rivista Guitart e Seicorde
_______________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento