Opening Concerto of “Castleton In Performance” 2014 Fall Season to be dedicated to the Memory of Lorin Maazel – Pianist Stefano Greco will be Soloist in a program featuring two versions of Bach’s Goldberg Variations Sunday, October 26

Photo Credits: Greco by Luca Bolognese; Maazel by Molly M. Peterson

Photo Credits: Greco by Luca Bolognese; Maazel by Molly M. Peterson

On Sunday, October 26, 2014, at 4 p.m., a concert titled Bach – A Three Part Invention will open “Castleton in Performance,” the 2014 fall series presented by the Castleton Festival in Virginia.
This concert is dedicated to the memory of Lorin Maazel, one of the great conductors of the 20th and 21st centuries, who was the founder and artistic director of the Castleton Festival.

Italian pianist Stefano Greco will perform the complete Goldberg Variations, to be followed by a “Coffee Cantata” (afternoon tea/coffee and discussion between the performers and the audience), and concluded by the performance of an arrangement of the Goldberg Variations by Colonel John Bourgeois for chamber winds and timpani, conducted by Col. Bourgeois.

Colonel Bourgeois told Lorin Maazel about the arrangement during their last encounter in July and was assured by Maestro Maazel that the piece would be performed. In programming the new series, Dietlinde Turban Maazel (widow of Lorin Maazel, now Artistic Director and Director of Administration of the Festival) included the Bourgeois arrangement and consulted members of the Keyboard Trust (with whom Castleton has had a long relationship) about recommending a Bach specialist to perform the Goldberg Variations. The Trust immediately put her in contact with Stefano Greco.

The all-Bach program was chosen as a tribute to the late Maestro Maazel because of his special fondness for the music of the composer, which, as a Fulbright student in Italy from 1951 to 1953 studying Baroque music, he came to love.
Stefano Greco’s appearance is a collaboration between the Castleton Festival and the Keyboard Trust, as Mr. Greco is both a highly respected pianist and a Bach specialist.

The concert will take place in the Theatre House, an intimate, 140-seat proscenium theatre, in Castleton, VA.
Tickets for the concert are $40 for adults, $20 for youth under 18 (group discounts available upon request).
The event will be live streamed and replayed on castletonfestival.org.

To purchase tickets, please visit www.castletonfestival.org or call the Box Office at 1-866-974-0767.

Ms. Turban Maazel commented: “The Goldberg Variations are so special and popular, because each variation has its own distinct personality. They represent a complete emotional world captured in music – every human emotion is present. This, and the fact that Bach gives no tempo, dynamic and (with a few exceptions) articulation indications, forces the performer to be supremely sensitive and creative. In the tradition of the grand interpreters such as Glenn Gould, Wilhelm Kempff and Murray Perahia, Stefano Greco has created his own very personal concept while remaining a deeply respectful and true Bach scholar. I am enthusiastic about presenting this extraordinary pianist in Castleton, in a rare pairing of the keyboard piece with a transcription. The work is scored for wind instruments and timpani. The instruments are used in diverse combinations: the smallest unit is a trio, and the largest (in Variation Sixteen) includes all the instruments. The color of each wind instrument enhances the emotional quality of each variation, from introvert to comical, melancholy to joyous, from despair to religious consolation.”

About Stefano Greco
Stefano Greco brings to his interpretations the dedication of a scholar; the curiosity of an explorer concerning the culture from which the music he plays has sprung; and the technical excellence that gives him the freedom to realize his interpretive concepts.
His involvement with J. S. Bach’s unfinished The Art of Fugue brought to light several discoveries, resulting in a conference and concert held in Brussels in January, 2014, and his upcoming book, The Language of J. S. Bach: Enigmas and Their Resolution. His performances of the French Suites incorporate two suites that, though published separately, he regards as part of that group; and after comparison of the numerous manuscripts, he has restored some movements and made textual changes in others, to achieve complete, more definitive versions.
Mr. Greco’s performances of the Goldberg Variations reflect his expertise in the music of Bach. Because the work was originally written for a two-keyboard harpsichord, pianists have had to make “adjustments” for the single keyboard piano. Mr. Greco says that he has formulated a way of playing all of the Goldberg Variations without any such adjustments. He has also chosen his tempos based not on personal taste but from a careful analysis of Bach’s writing.
Mr. Greco has performed The Art of Fugue in cities around the world, including Florence, Verona, Los Angeles and New York. Another program, “The Later Art of the Fugue,” presented at London’s Wigmore Hall, included premieres of works by Puccini in Greco’s transcriptions, and by Dinu Lipatti, as edited by Greco.
Mr. Greco has appeared as part of the Carnegie Hall Notables series in New York; in London at St. James’s Piccadilly, St. Martin-in-the-Fields and St. John’s, Smith Square; Steinway Halls in London, Munich and New York; and in recital on a seven-city tour of North and South America (Mexico, Brazil, Argentina and Chile). A tour of the United States, Canada and Japan brought him to prestigious venues such as the Opera City Concert Hall in Tokyo and Alice Tully Hall, Lincoln Center in New York.
Mr. Greco has made frequent recital, chamber music and concerto appearances in Italy and has performed in Amsterdam, The Hague, Prague, Hamburg, León, Aleppo and Damascus. He has been heard on radio and TV stations such as CNN, RAI, RAI International, Radio Vatican, Radio Beethoven in Chile, Opus 94 in Mexico, and on David Dubal’s program “Reflections from the Keyboard” in New York.
The recordings Mr. Greco has released include J.S. Bach’s The Art of Fugue; Goldberg Variations; and his Wigmore Hall recital program, “The Later Art of the Fugue.” Still to be released is the first truly complete series of the Keyboard Suites of Handel.
Among Stefano Greco’s publications are editions of J. S. Bach’s works, including his transcription of 14 Canons on the First Eight Fundamental Notes of the Aria from Goldberg Variations for solo piano, and the two-piano versions of A Musical Offering and Erbarme dich, mein Gott from the St. Matthew Passion.
After graduating with honors from the Conservatory in Lecce, Italy, where he studied with Antonio Serrano, Mr. Greco won prizes in several Italian piano competitions before continuing his studies with Hector Pell and Aldo Ciccolini. In Ciccolini’s school, Stefano Greco lectured on “The Mechanics of Piano Technique,” “The Golden Section,” “Mathematical Proportions in Music” and “Bach’s Polyphony.” He studied also with Joaquín Achúcarro at Accademia Chigiana of Siena, and with Alberto Portugheis. He was Top Winner in the Ibla Grand Prize International Competition — also winning the Bach Special Mention Award — and was prize winner of the Glenn Gould International Piano Competition.
Mr. Greco has taught, lectured and presented master classes at prestigious institutions of higher learning such as Bard College in New York State, California State University and New York University, working with students on repertoire ranging from keyboard music by William Byrd to contemporary works for piano. His 2014-2015 season will include concerts, lectures and master classes in London, Brussels and Rome, where he will appear twice under the auspices of the Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Mr. Greco is a Steinway Artist.

About the Castleton Festival
The Castleton Festival was founded in 2009 by Maestro Lorin and Dietlinde Turban Maazel.
Its mission is to present great classical music, theater and opera in performances by the foremost members of the upcoming generation in collaboration with established artists.
The site of the Festival is in the rolling hills of Rappahannock County, Virginia, on the Maazel family property.
The Castleton Festival is unique among festivals in the Greater Washington area because of its combined roles as a producing entity, a modern performance venue and, most importantly, an unparalleled mentoring program for young artists that also serves as a national educational resource and career hub for emerging opera stars, instrumentalists and conductors.

After the passing of Maestro Lorin Maazel in the summer of 2014, his wife, Dietlinde Turban Maazel, became Artistic Director for both the Castleton Festival and the Castleton in Performance series.

Nancy Shear Arts Services, National Press Representative,
at 212/496-9418 or sheararts@nancyshear.com
website: www.nancyshear.com

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Dal 25 al 29 ottobre incroci sonori a Sant’Apollonia con Erasmus On Stage

Da sinistra  ENZO MARAIO, IMMA BATTISTA ANNA BELLAGAMBA PEPPE NATELLA

Da sinistra ENZO MARAIO, IMMA BATTISTA ANNA BELLAGAMBA PEPPE NATELLA

Presentata a Palazzo di Città a Salerno la III edizione della rassegna musicale “Erasmus on Stage”, promossa dal Conservatorio di Musica Giuseppe Martucci in collaborazione con la Bottega San Lazzaro
Il viaggio nasce dalla trasgressione, è la trasgressione.
E come ogni violazione comporta sofferenza, tensione radicale, disagio e timori, ma anche conquista di conoscenza.
Si è osservato che travel, viaggio, e travail, il travaglio del parto, hanno in inglese la stessa radice. Il viaggio resta una scelta di libertà.
Questa l’essenza di Erasmus On Stage, la sfida che settanta ragazzi, settanta giovani musicisti, hanno lanciato a se stessi, alla propria misoginia e alla alterità, alla diversità dell’estero, da dove sono tornati contaminati dalle esperienze altrui, nella lingua, negli abiti e nelle architetture, nei mangiari, nelle usanze, nei saperi, nelle tradizioni musicali.
Un evento, questo che offre il tocco internazionale all’ottobre musicale salernitano, che va a cementare la sinergia del conservatorio di Musica “G. Martucci” di Salerno e la Bottega San Lazzaro del professore Giuseppe Natella, che ospiterà la rassegna nella cornice della Chiesa di Sant’Apollonia.
Ad illustrare il programma, ieri mattina a palazzo di Città, il giovane assessore al Turismo Enzo Maraio, che ha sottolineato come Salerno grazie anche ad un ferace associazionismo, quale è questo della Bottega San Lazzaro, stia divenendo sempre più ospite in entrambi i sensi in Italia e in Europa, Giuseppe “Peppe” Natella, onorato di aver inaugurato in giugno una collaborazione vivissima con il nostro conservatorio, sfociata nel I Festival da camera Santa Apollonia, e che oltre alla rassegna Erasmus On Stage, lo vedrà organizzatore di eventi musicale anche durante il periodo natalizio, unitamente alla direttrice del Martucci Imma Battista, la quale ha riconfermato l’impegno di offrire la possibilità agli studenti di confrontarsi con la realtà europea e in particolare con il palcoscenico e il giudizio del pubblico.
Anna Bellagamba, in rappresentanza dell’Ufficio Relazioni Internazionali, promotore del progetto ha illustrato l’interessante cartellone.
Cinque le serate con gli studenti che, in giro per l’Europa, ritornano alla casa madre per proporsi al proprio pubblico.
S’inizierà sabato 25 ottobre con l’omaggio alla Spagna, “Cuerdas y recuerdos de España”.
La chitarra è sicuramente lo strumento che più di ogni altro incarna lo spirito iberico.
Con il chitarrista Alberto Falcione (Isole Canarie), e il collega Daniele Aiello attraverseremo la Spagna sulle note di Fernando Sor, Isaac Albéniz, Augustín Barrios Mangoré, e i loro quadretti di colore, con un’incursione in Italia in eterno scambio con il sentire iberico, con l’esecuzione del Capriccio diabolico op. 85 di Mario Castelnuovo-Tedesco, dedicato ad Andrés Segovia, che suggerì un omaggio a Paganini, un pezzo che ha moltissime possibilità per rivelare la magia del suo suono e l’eleganza forbita del fraseggio di questo strumento, o ancora la Grande Sonata di un Niccolò Paganini segretamente innamorato della chitarra.
Domenica 26 ottobre ancora España, ma riflessa nelle campane rilucenti delle tube e nella coda del pianoforte con i due tubisti Domenico Limardo (Salamanca) e Angelo Mazzitelli (Saragozza), e la giovane pianista Carolina Danise (Alicante) in Erasmus a soli diciannove anni.
Protagonista assoluta sarà la tuba, strumento di raro ascolto nelle vesti di solista, che spazierà tra le gemme più rilucenti del suo repertorio, da un duetto di Patrick Sheridan, al Concerto in un movimento di Alexej Lebedjev sino alle note Variations in olden style di Thomas Stevens.
Le tube passeranno il testimone al Fryderyk Chopin degli studi e della ballata op. 23, pagine che sono dimostrazione del postulato romantico di Liszt, secondo il quale “le nuove musiche non attenendosi ad alcun speciale schema prenderanno di volta in volta i ritmi, le movenze, le figure più appropriate a esprimere il sogno, la passione, il pensiero che le avrà ispirate”.
Il jazz sarà di scena il 27 ottobre.
E’ questo il genere di musica che è l’immagine stessa dell’incrocio sonoro.
Concetto chiave nella formazione dell’immagine del jazz, l’improvvisazione è al tempo stesso un feticcio ed una realtà centrale del linguaggio jazzistico, ed è termine che stimola l’immaginazione e fa pensare a sconfinati orizzonti di libertà, ad incontrollabili voli della fantasia, facendolo diventare l’emblema della musica “libera”, senza vincoli.
Sarà il Darotter-Dam Trio, di Lucio D’Amato, Luciano Napoli e Marco Fazzari, formatosi tra le scuole di Belgio e Olanda ad illustrare in musica il titolo della serata “Cold Europa – Cool jazz” creando un climax di bruciante intensità, senza che per questo vengano obliate la tersa austerità, le linee frammentarie, l’essenzialità lirica concentrata e armonicamente irregolare, appartenenti a questa musica e alla tradizione italiana.
Passaggio in Germania il 28 ottobre con “Musik, ich liebe dich!” con il flautista Simone Mingo e la violinista Sara Rispoli, reduci da ben due anni Erasmus insieme, a Dresda e Ausgburg; il violoncellista Thomas Brian Rizzo (Weimar) e la pianista Margherita Coraggio di ritorno dal suo secondo anno Erasmus nella capitale tedesca, presso la prestigiosa Università delle Arti di Berlino; serata classica in cui ascolteremo una delle partiture più raffinate della produzione cameristica di Carl Maria von Weber, il trio in sol minore op. 63, che fonde felicemente i timbri del flauto, del cello e del pianoforte, offrendo loro bellezza melodica e una sottile vena teatrale.
Una perla del compositore russo César Cui, i cinque piccoli duetti op. 56 per flauto e violino con pianoforte, miniature preziose, liriche ed eleganti, prima di passare al clarinetto per puntare sulla modernità antiromantica della Première Rhapsodie di Claude Debussy, in cui la “chiarezza” della linea di canto stabilisce un preciso rapporto con il pianoforte, portando ad esaltarne il congegno perfetto, e la sonatina di Joseph Horovitz dalla spensierata invenzione che strizza l’occhio al jazz.
Gran finale il 29 ottobre con il violoncellista Antonio Amato, rientrato da Bucarest, che si concederà al pubblico, in duo con Vincenzo Zoppi al pianoforte proponendo il concerto in re maggiore per violoncello di Joseph Haydn, il trio op.8, per pianoforte, violino (Giacomo Mirra) e violoncello, la prima vera composizione della cameristica di Johannes Brahms, ossia del settore centrale della produzione del maestro amburghese, concepito durante un viaggio sul Reno, che viene evocato in questa partitura poderosa, ricca di temi ampi e fluenti, “appassionatamente classici”.

Ingresso libero

Info:
Conservatorio Martucci
089/237713
peppenatella@libero.it
089/231330

Comunicato a cura di Olga Chieffi
Resp.le musicale Studio Apollonia
Cell.:347/8814172

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Dal mondo della musica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 24 ottobre la rassegna Il Nuovo l’Antico di Bologna Festival propone “La lira di Orfeo”

Logo Il nuovo l'antico 2014Venerdì 24 ottobre, ore 20.30, Oratorio San Filippo Neri, la rassegna Il Nuovo l’Antico di Bologna Festival prosegue con un concerto di musica antica intitolato La Lira di Orfeo, tributo a Gualberto Magli, con Raffaele Pè (controtenore), Chiara Granata (arpa doppia), Franco Pavan (tiorba).
Il concerto fa parte del progetto Delizie e Tenebre, un percorso vocale tra liriche medievali, monodia di area monteverdiana, pagine corali sacre di Alessandro Scarlatti.

Il concerto “La Lira di Orfeo” è un omaggio alla vicenda umana e musicale di Gualberto Magli, primo cantante dell’Orfeo di Monteverdi e ammirato arpista nell’Europa di inizio Seicento.
Il programma segue le principali tappe della sua vita: dalla scuola fiorentina, alla straordinaria esperienza monteverdiana, dagli anni napoletani fino al soggiorno in Brandeburgo.
Un viaggio in una stagione straordinaria della musica italiana, dove parole e musica si incontrano per muovere gli affetti e far risuonare la lira di Orfeo.
Il controtenore Raffaele Pè, con la collaborazione di strumenti antichi, è uno specialista del repertorio belcantistico seicentesco ed è tra gli interpreti di maggiore spicco nel panorama vocale italiano ed europeo. Recenti, il suo debutto alla Philharmonie di Berlino con il recital “La Lira di Orfeo”, la tournée in Giappone insieme all’ensemble La Venexiana con l’Incoronazione di Poppea di Monteverdi e l’uscita del CD The Medici’s Castrato per l’etichetta Glossa.

Prossimo appuntamento
venerdì 31 ottobre
La triade Polacca
musiche di Szymanowski, Liszt

Vendita Online:
www.bolognafestival.it, www.vivaticket.it
Biglietteria Bologna Welcome, Piazza Maggiore 1/E, dal martedì al sabato ore 13 – 19
tel. 051 231454.
Un’ora prima del concerto presso l’Oratorio San Filippo Neri

Ufficio Stampa Bologna Festival
Paola Soffià
051 6493397 – 328 7076143

_________________________________________________________

Venerdì 24 ottobre ore 20.30 – Oratorio San Filippo Neri
Raffaele Pè, controtenore
Chiara Granata, arpa doppia
Franco Pavan, tiorba

La lira di Orfeo. Tributo a Gualberto Magli
musiche di Monteverdi, De Macque, D’India, Kapsberger G. Caccini, F. Caccini, Trabaci, Montesardo, Lambardi, Ciccolini, Nauwach.

Programma

Claudio Monteverdi: L’Orfeo (estratti)
Jean de Macque: Durezze e ligature
Sigismondo d’India: Lamento di Giasone
Johannes Kapsberger: Toccata arpeggiata
Giulio Caccini: Amarilli mia bella
Francesca Caccini: Dispiegate guancie amate
Giovanni Maria Trabaci: Toccata seconda per l’arpa
Girolamo Montesardo: Hor che la notte ombrosa
Francesco Lambardi: O felice quel giorno
Alessandro Ciccolini: Solo et pensoso (2013)
Johann Nauwach: Jetzund kömpt die nacht herbey

Raffaele Pè
Raffaele PeNato a Lodi, ha iniziato gli studi in canto e organo all’età di sei anni nella Cappella Musicale della Cattedrale di Lodi con Pietro Panzetti.
Ha completato la sua formazione a Londra con Colin Baldy e Nicholas Clapton e ha partecipato a corsi di perfezionamento con Sarah Walker, James Bowman, Sonia Prina e Claudio Cavina.
Giovane voce di controtenore, è stato presentato da Early Music Today come una delle voci emergenti in ambito barocco; attualmente è tra gli interpreti di maggiore spicco nel panorama vocale italiano ed europeo, discografico e concertistico.
Ha già lavorato con direttori come John Eliot Gardiner, René Jacobs, Paul McCreesh, Nicholas McGegan, Andreas Spering, Christophe Coin, Claudio Cavina. Sotto la direzione di Gardiner ha cantato nelle opere monteverdiane L’incoronazione di Poppea (Ottone) e Orfeo (Pastore e Speranza); ha collaborato con La Venexiana di Claudio Cavina per i Duetti d’Arcadia di Handel e, nell’ottobre 2014, per la tournée in Giappone dell’Incoronazione di Poppea (Ottone).
Sotto la direzione di Christophe Coin ha cantato nell’Oratorio di Natale di Bach; ha cantato l’oratorio di Handel Israel in Egypt con la direzione di Nicholas McGegan, una produzione che ha debuttato al Bologna Festival nel 2012.
Tra i suoi prossimi impegni si segnalano il ruolo di Delio nella Veremonda di Cavalli con la regia di Stefano Vizioli (Spoleto Festival USA 2015), il ruolo di Santino nel pasticcio Amore Siciliano di Leonardo Alarcon e il ruolo di Arioco nel Nabucco di Michelangelo Falvetti, con rappresentazioni a Versailles e Bruxelles.
Raffaele Pè ha realizzato incisioni discografiche per Harmonia Mundi, Resonus Classics, Arcana, Glossa e ORF, oltre ad aver registrato concerti per le principali emittenti radiotelevisive europee.
Imminente, la registrazione dell’Evangelista nella Passione secondo San Giovanni di Gaetano Veneziano insieme alla Cappella della Pietà dei Turchini di Antonio Florio.
Recentissima, la pubblicazione per l’etichetta Glossa del CD The Medici’s Castrato contenente l’omaggio al primo interprete dell’Orfeo monteverdiano Gualberto Magli.
Di rilievo, infine, il suo debutto alla Philharmonie di Berlino con il recital “La Lira di Orfeo”, presentato anche nell’ambito della rassegna Il Nuovo l’Antico di Bologna Festival.

Chiara Granata
Chiara GranataDopo gli studi al Conservatorio di Milano, si è specializzata nell’esecuzione della musica antica su strumenti originali con Mara Galassi, diplomandosi in arpa barocca e arpa a movimento semplice all’Accademia Internazionale della Musica di Milano.
Collabora con diversi gruppi strumentali barocchi, tra cui Ensemble Matheus di Jean-Christoph Spinosi, La Venexiana di Claudio Cavina, Akademie für Alte Musik di René Jacobs, La Cappella della Pietà dei Turchini di Andrea Florio, Academia Montis Regalis di Alessandro De Marchi, Capella de Ministrers di G. Magraner.
Laureata in filosofia all’Università Statale di Milano, coltiva il suo interesse per l’estetica musicale con attività di ricerca; tra le sue pubblicazioni si distinguono le recenti La musica e l’angelo. Risonanze nella musica di Monteverdi, Bach, Messiaen e Sapere è un verbo all’infinito.

Franco Pavan
Franco PavanLiutista e tiorbista, agli studi strumentali ha affiancato la ricerca musicologica, laureatosi in storia della musica all’Università di Milano con Francesco Degrada.
Pavan collabora con gli ensemble Concerto Italiano, Accordone, La Cappella della Pietà dei Turchini, La Risonanza e con il gruppo londinese Trinity Baroque; ha partecipato ad importanti produzioni teatrali come l’Orfeo e Il ritorno d’Ulisse in Patria di Monteverdi diretti da Rinaldo Alessandrini alla Scala.
Suona in duo con la flautista Dorothee Oberlinger e con il liutista Gabriele Palomba.
Con “Laboratorio ‘600″, ensemble fondato insieme all’arpista Katerina Ghannudi e alla liutista Ilaria Fantin, si dedica alla riscoperta di pagine del Seicento e del Settecento italiano, portando alla luce un repertorio pressoché sconosciuto, ora confluito in un progetto discografico con l’etichetta Glossa.
Il primo CD, Siciliane, si avvale della collaborazione del tenore Pino De Vittorio.
Franco Pavan è docente di liuto presso il Conservatorio di Verona.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 26 ottobre “I Concerti dell’Archivio” di Napolinova propongono le prime tre suite per violoncello di Bach

Logo Napolinova 2Domenica 26 ottobre, alle ore 11.30, nella “Sala Filangieri” dell’Archivio di Stato (Piazzetta Grande Archivio, 5 – Napoli), l’associazione Napolinova propone per “I Concerti dell’Archivio”, il primo concerto dell’integrale delle suites per violoncello di Johann Sebastian Bach.
Ad eseguire le prime tre suites, tre giovanissimi artisti di grande talento: Martina Tranzillo, Raffaella Cardaropoli e Giovanni Meriani.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Prima di ogni concerto, alle ore 10.00, è prevista una visita guidata gratuita con approfondimento sul codice di S. Marta a cura del Servizio Visite dell’Archivio di Stato per la quale bisogna prenotarsi allo 081.5638256
Per la visita è obbligatoria la prenotazione allo 081 5638256 ore 9 – 13
o via e-mail: as-na@beniculturali.it

Info concerto:
347.8430019
info@associazionenapolinova.it
www.associazionenapolinova.it

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Sabato 25 ottobre concerto del Trio Pragma nell’Auditorium dell’Accademia di Musica Aemas

Trio PragmaSabato 25 ottobre, alle ore 18.00, nell’Auditorium dell’Accademia di Musica Aemas (Via Gradini di S. Nicola da Tolentino, 12 – Napoli), concerto del Trio Pragma, formato da Federica Severini (violino), Giovanni Sanarico (violoncello) e Gennaro Musella (pianoforte)

Programma

L. van Beethoven: Trio op.1 n.3 in do minore

B. Smetana: Trio op.15 in sol minore

Ingresso libero
_______________________________________________________

Trio Pragma
Formato dalla violinista Federica Severini, il violoncellista Giovanni Sanarico ed il pianista Gennaro Musella, nasce nel 2013 tra le aule del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli imponendosi da subito tra i vincitori di diversi concorsi internazionali.
In particolare è risultato vincitore assoluto con borsa di studio del concorso europeo “Jacopo Napoli”, aggiudicandosi anche un concerto nella stagione 2014/15 del Festival di S. Giacomo di Bologna.
Vincitore del I° premio e di un premio speciale della giuria al Concorso Internazionale Leopoldo Mugnone sarà impegnato in un concerto presso un’ambasciata italiana all’estero.
Il trio attualmente è sotto la guida di Francesco Pepicelli ( Trio Modigliani) e Alberto Maria Ruta ( Quartetto Savinio).

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 25 ottobre a Palazzo Venezia si replica il Concerto Illustrato rivolto a Mozart

Metti una sera con MozartA seguito del grande successo ottenuto la scorsa settimana, sabato 25 ottobre, alle ore 11.00, a Palazzo Venezia Napoli (v. B. Croce, 19) si replica il Concerto Illustrato rivolto alla vita ed alle opere di Wolfgang Amadeus Mozart
Un itinerario all’insegna della cultura e della musica, in uno dei luoghi più suggestivi del centro storico di Napoli, con la scoperta dei suoi affascinanti spazi e l’incontro con uno dei più grandi geni musicali di tutti i tempi, Wolfgang Amadeus Mozart.
Attraverso la modalità del Concerto Illustrato, una nuova e coinvolgente modalità di incontrare la musica, curato dalle Associazioni Palazzo Venezia Napoli, Accademia Musicale Europea e dalla Cooperativa sociale SIRE.
Il sito, che è stato per circa quattrocento anni sede dell’ambasciata veneta nel Regno di Napoli, accoglierà i partecipanti con la sua scenografica loggia, la Casina Pompeiana ed il suo splendido e storico giardino pensile.
Dopo l’aperitivo di benvenuto gli ospiti saranno coinvolti direttamente nelle esecuzioni dal vivo in modo dinamico e partecipativo per conoscere il fantastico mondo di Mozart.
Il M° Luciano Ruotolo ed il Soprano Romina Casucci condurranno i partecipanti ad “incontrare” Mozart, attraverso un interessante Concerto Illustrato, dove le composizioni proposte, saranno integrate da guide all’ascolto introduttive e da cenni storico biografici.

Programma

Ore 11.00: Aperitivo di benvenuto

Ore 11.30: ‘Concerto Illustrato’
-Introduzione storica
-“Il Pianoforte”: Fantasia in Re minore K397
-La “Forma-Sonata”: Sonata K570
-“La Trilogia Italiana”: Arie tratte da “Le Nozze di Figaro”, “Don Giovanni” e “Così fan tutte”

Ore 12.15: Percorso Guidato

E’ obbligatorio prenotare entro venerdì 24 ottobre
Le prenotazioni saranno prese fino ad esaurimento posti

Quota partecipazione
Adulti: 10 Euro
Bambini/ragazzi da 6 a 18 anni: 3 Euro
Gratuita al di sotto dei 6 anni

Info e prenotazioni:
0815528739
palazzovenezianapoli@gmail.com
www.palazzovenezianapoli.it

3922863436
cultura@sirecoop.it
www.sirecoop.it

www.accademiamusicaleeuropea.com
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 22 ottobre ai “Concerti di Autunno” l’originale ricercatezza del duo Pizzicar Galante per un omaggio a Scarlatti

pizzicargalanteMercoledì 22 ottobre 2014, alle ore 20.30, nella Chiesa Evangelica Luterana di Napoli (via Carlo Poerio, 5) per la XIX edizione dei “Concerti di Autunno” è in programma un concerto omaggio interamente dedicato a Domenico Scarlatti, con l’originale ricercatezza del Duo Pizzicar Galante, composto da Anna Schivazappa al mandolino e Fabio Antonio Falcone al clavicembalo.
Il recital propone un viaggio nelle atmosfere barocche del grande compositore napoletano, maestro alla corte di Spagna, con le Sonate “K 91 in sol maggiore”, “K 81 in mi minore”, “K 90 in re minore”, “K 77 in re minore”, “K 88 in sol minore” e “K 89 in re minore”.

Ingresso libero

Ufficio Stampa
Paolo Popoli
329.6197910
paolopopoli@gmail.com

Comunità Evangelica Luterana
Chiesa: Via Carlo Poerio, 5 – Napoli
Ufficio: Largo Terracina, 1 – Napoli
Tel +39-081-66-3207
Fax +39-081-660909
email: info@lutero.org

_______________________________________________________

Mercoledì 22 ottobre 2014, ore 20.30
Chiesa Luterana (via Carlo Poerio 5, Napoli)
Duo Pizzicar Galante
Anna Schivazappa, mandolino
Fabio Antonio Falcone, clavicembalo

Domenico Scarlatti (1685 – 1757)
Sonata K 91 in sol maggiore
Sonata K 81 in mi minore
Sonata K 90 in re minore
Sonata K 77 in re minore
Sonata K 88 in sol minore
Sonata K 89 in re minore

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento